Lettere/ “Recco: precauzioni Covid-19 e podismo”

Da Maurizio Lampunio riceviamo e pubblichiamo

Stamattina, uscendo di casa, per recarmi a comprare dei medicinali e generi alimentari, mi sono imbattuto in:
Una podista che arrivava dalla salita del cimitero di Megli, che ha successivamente proseguito per Cornice Golfo Paradiso.
Fuori dalla pescheria di piazza 10 Novembre 1943, sulla panchina situata sull’entrata, due persone sedute che scherzavano tranquillamente, toccandosi amichevolmente, con un’altra in piedi vicinissima.
Uno scooter con papà e bambino piccolo.
Tutto questo nella mezz’ora di assenza da casa.
Per non parlare delle allegre famigliole che vedo passare sotto casa mia o sul sagrato della Chiesa di Megli.
Giusto stamattina papa, mamma, due figli e cagnolino al seguito.
Forse sarebbe bene che il Sindaco passasse dalla, meritoria, iniziativa di comunicazione itinerante sulle procedure anti contagio, all’ordinanza di blocco totale delle attività all’aperto, come già fatto dal suo collega di XXmiglia.