Rapallo: le conferenze degli studenti del Liceo Da Vigo

Dall’ufficio stampa del Comune di Rapallo riceviamo e pubblichiamo

Il tema scelto per le conferenze di quest’anno dal Presidente dell’Accademia Culturale di Rapallo dott. Guido Gigli è “Pianeta Terra: quale Futuro?”.

Quindi visto che il futuro riguarda in modo particolare i giovani, ai giovani è stata data l’opportunità quest’anno di dire la loro.

Sono state inserite conferenze tenute da relatori “straordinari” perché sono studenti degli Istituti Superiori di Rapallo.  

Venerdì 7 febbraio alle ore 16 presso Villa Queirolo si svolgerà la prima delle tre conferenze tenute dagli studenti del Liceo Da Vigo che ha come tema “I giovani e il clima: una sfida per il futuro”.  

Accompagnati dal loro professore Federico Pichetto, Emanuele Canessa  e Pietro Vago che frequentano la classe 5^B del Liceo Classico proporranno:

Venerdì 7 febbraio 2020 “I giovani e il clima: una sfida per il futuro”.

Come siamo arrivati a questo punto?
Un incontro volto all’analisi di come si sia arrivati alla situazione odierna, alla luce degli eventi storici che hanno determinato l’inquinamento globale oggi.

Venerdì 14 febbraio 2020 “I giovani e il clima: una sfida per il futuro”.

Provvedimenti mondiali per la salvaguardia dell’ambiente
Un incontro volto al dialogo su come il mondo si sia attivato, soprattutto dopo la sensibilità nata grazie a Greta Thunberg.

Venerdì 21 febbraio 2020 “I giovani e il clima: una sfida per il futuro”.  

Tra ecologia e ambientalismo, dove saremo fra 20 anni?
Un incontro durante il quale si analizzano i vari aspetti dell’inquinamento globale, vedendo quanti danni esso provochi e a quali conseguenze si potrebbe dover far fronte se non si intervenisse immediatamente.

Emanuele Canessa  e Pietro Vago sono rappresentanti d’istituto del Da Vigo per il secondo anno di fila e, appena eletti, hanno espresso la volontà di ridurre i consumi di plastica e dimostrato di avere a cuore la questione ambientale durante le numerose assemblee d’istituto che hanno convocato in questi due anni. Attorno a questa tematica c’è un grande lavoro portato avanti da tutta la scuola

Villa Queirolo