Rapallo: Fiera di San Sebastiano, le norme

Dall’ufficio stampa del Comune di Rapallo riceviamo e pubblichiamo

Ordinanza della Polizia Municipale relativa alle disposizioni in materia di commercio su aree pubbliche e provvedimenti temporanei alla viabilità in occasione della tradizionale fiera di San Sebastiano, in programma domenica prossima, 26 gennaio.

Oggetto: Disciplina commercio su aree pubbliche e provvedimenti temporanei inerenti alla viabilità in occasione della Fiera di San Sebastiano

Il dirigente
Premesso che la Fiera di San Sebastiano si svolgerà il 26/01/2020;
Attesa la necessità di una adeguata disciplina dell’occupazione degli spazi ed aree pubbliche da parte dei numerosi venditori ambulanti che affluiscono a Rapallo in occasione della Fiera;

Ritenuto indispensabile, per motivi attinenti la viabilità, il traffico, l’ordine pubblico e le norme igenico – sanitarie, adottare idonei provvedimenti temporanei in ordine alla circolazione veicolare nelle vie e piazze oggetto della presenza degli operatori commerciali;

Visto D.Lvo. n° 114 del 31/03/1998, art. 28;
Vista la L.R. N° 19 del 02/07/1999, art. 14;
Vista la L.R. N° 1 del 03/01/2007;
Visto il Bando per l’assegnazione dei posteggi in Concessione decennale (edizione 2013 sino al 2017 ) pubblicato sul Bollettino della regione Liguria n° 14 del 4/04/2012;
Vista la Deliberazione di Giunta Comunale n° 453 del 11/12/2019;
Considerato il provvedimento in materia, a valenza gestionale e specifica della circolazione;
Vista l’ordinanza n° 1 del 2016;
Visto gli artt. 5, comma 3° e 7 del D.Lgs 285 del 1992;

Ordina
Per le ragioni espresse in narrativa, viene istituito il divieto di sosta con rimozione forzata e divieto di circolazione a tutte le categorie di veicoli, dalle ore 00.00 del giorno 26/01/2020 alle ore 06.00 del giorno 27/01/2020, nelle seguenti vie e piazze:
Lungomare Vittorio Veneto, P.zza IV Novembre, Via Giustiniani, Lungomare Cavalieri di Vittorio Veneto, Rotonda Marconi, Via Diaz, Via Gramsci, Ponte Carristi D’Italia, Via Rosselli.

Viene istituito il divieto di sosta con rimozione forzata dalle ore 00.00 del giorno 26/01/2020 alle ore 06.00 del giorno 27/01/2020, nella Via Dante, tratto compreso fra Ponte Ricci e L.go Moro ed in L.go Moro quali aree da destinare alla sosta dei veicoli di operatori commerciali muniti di apposita
autorizzazione comunale.

Sono esclusi dal presente provvedimento i veicoli impegnati in servizi urgenti d’istituto di cui all’art. 177 del D.Lgs 285/92, e quelli degli operatori commerciali muniti di apposita autorizzazione commerciale comunale per il transito e/o lo stazionamento.
La presente ordinanza è resa esecutiva con l’installazione della prescritta segnaletica stradale.

Per motivi di Polizia Stradale, ai sensi dell’art. 143, comma 1, L.R. n 1 del 03/01/07, è vietata sul suolo pubblico, al di fuori delle aree destinate alla Fiera, l’attività ambulante di vendita di qualsiasi merce, così come è vietata, nell’ambito della Fiera, al di fuori degli spazi assegnati agli operatori autorizzati.

Avverte
I posti che qualora alle ore 07.00 del 26 Gennaio 2020 risultassero non occupati dagli assegnatari , saranno immediatamente assegnati agli aventi diritto, secondo l’ordine di graduatoria (art. 8 del bando).

Le concessioni dei posteggi sono vincolate alle condizioni indicate agli articoli 9-10 del bando “Modalità di svolgimento “ e “Limitazioni e divieti“.

Si ricorda che l’orario di vendita è compreso tra le ore 07.00 e le ore 20.00 del 26/01/2020; il posteggio dovrà essere mantenuto in condizioni di nettezza e decoro e lasciato libero non prima delle ore 19.00 del 26/01/2020 per ragioni di incolumità degli altri utenti della strada e non oltre le 21.00 del 26/01/2020 per consentire agli operatori N.U. un adeguato servizio di
pulizia e raccolta.

Gli operatori che avranno occupato un posteggio privi della regolare autorizzazione saranno puniti ai sensi dell’art. 143 , comma 1 della Legge Regionale n° 1 del 03/01/2007 e, in caso di inottemperanza all’ordine di sgombero impartito dagli Agenti della Forza Pubblica, denunciati ai
sensi dell’art. 650 C.P. all’Autorità Giudiziaria.