Chiavari: “Rupinaro, mi batterò con Toti per lo scolmatore”

Da Giovanni Giardini, consigliere comunale in Chiavari
” Cambia con me Chiavari da tutelare”,
riceviamo e pubblichiamo

Rupinaro- Scolmatore. La Giunta Di Capua, nei prossimi mesi si troverà ad affrontare decisioni che possono cambiare il destino di Chiavari.
Un’ agenda impegnativa, se si cercheranno di rispettare i tempi, su i veri problemi  della città, dove la politica  gioca  un ruolo pesante.

Uno fra i tanti argomenti sarà  la messa in sicurezza del Rupinaro.
Come Presidente di Commissione II (Problemi del territorio  ed opere pubbliche) il 19 dicembre u.s. avevo proposto e trattato  l’argomento.
Nell’incontro erano emerse tre ipotesi  di messa in sicurezza del Rupinaro.
Due delle quali vertevano esclusivamente nell’intervento sul torrente stesso (argini , letto e ponti).
La terza teoria era quella dello scolmatore.
Durante la Commissione Consiliare, il Geom. Agostino Olivieri, quale RUP incaricato dal Comune di Chiavari, al prosieguo dell’iter, individuava anche i costi di spesa sommaria.
Ne risultava che, quelli relativi allo scolmatore, erano decisamente inferiori  rispetto all’ intervento sul Rupinaro.
Fermo restando  che la messa in sicurezza degli argini (circa 800 ml.) devono essere assolutamente  bonificati, anche con l’ attuazione  dello scolmatore, comportando però,  un costo minore.
È  evidente che ne trarrebbero  beneficio economico anche i frontisti proprietari sul Torrente, dovendo contribuire alla spesa con un importo del 20% sul costo dell’opera degli argini.
La realizzazione  dello scolmatore è  sempre stata anche  una mia idea, già in tempi non sospetti!
Appoggerò con convinzione, per quello che potrà  essere il mio contributo , il Governatore Giovanni Toti.
Lo farò attivamente attraverso il Candidato Regionale Geom. Domenico (Mimmo) Cianci.
Sicuramente, di questa ed altre problematiche chiavaresi se ne farà carico.
Conoscendo la sua tenacia, la sua capacità umana e politica.

Giovanni Giardini