Rapallo: spettacolo benefico, pro pranzo alla Casa della Gioventù

 Da Sandro Secchi riceviamo e pubblichiamo

Venerdì 13 dicembre 2019 alle ore 20,45 presso il Teatro Auditorium delle Clarisse – Rapallo. I Giovani Canterini di Sant’Olcese praticano il trallalero genovese da oltre venticinque anni, riprendendo la tradizione dei loro nonni prima che si perdesse nello scorrere del tempo. Durante il canto, i canterini si mettono in cerchio, come attorno a una tavola, in una significante analogia con ogni pranzo familiare. È un canto conviviale, dove il cerchio a volte si apre, per accogliere un nuovo canterino e poi si stringe nuovamente. Non é una struttura rigida, accoglie e permette a tutti di provare. Inoltre, nell’accezione più antica di trallalero, non esiste un vero e proprio solista ma il risultato finale si ottiene stratificando cinque linee melodiche, in modo che nessuna di esse prevalga sulle altre. Il risultato é superiore alla somma delle singole voci. Colpisce quindi la coincidenza del canto con il pranzo che promuove in questa serata popolare. Il repertorio dei canterini è quello tradizionale della musica popolare genovese dei Trallalero anche se contiene composizioni proprie come O Trallalero, canson de na vitta, composta dal direttore artistico e contralto della squadra Paolo Besagno, col quale i Giovani Canterini di Sant’Olcese parteciparono e vinsero nel 1996 la VII edizione del “Premio Città di Recanati“, festival italiano della musica d’autore.I premi e le esperienze nazionali ed internazionali non mancano al gruppo musicale che col passare del tempo sia pre ed accoglie componenti con età sempre più disparate: canterini giovani (anche un quattordicenne, uno dei più giovani della liguria) e canterini più avanti negli anni, tutti con la stessa passione per il canto popolare. Ma l’obiettivo della squadra non cambia: continuare a diffondere la voce di Genova, specialmente in questi ultimi anni in cui purtroppo alcune delle più blasonate squadre di canto liguri hanno cessato la loro attività.

I pranzi di Natale della comunità di Sant’Egidio

Il pranzo di Natale con i poveri è una tradizione della Comunità di Sant’Egidio da quando, nel 1982, un piccolo gruppo di persone povere fu accolto attorno alla tavola della festa nella Basilica di Santa Maria in Trastevere. Sono passati 36 anni da quel primo pranzo: da allora la tavola si è allargata di anno in anno e da Trastevere ha raggiunto tante parti del mondo, dovunque la Comunità è presente. Un Natale straordinario che ogni anno coinvolge decine di migliaia di persone in 70 paesi diversi. In collaborazione col Comune di Rapallo
Sono soprattutto persone che vivono per strada, anziani soli, famiglie in difficoltà, disabili, malati, richiedenti asilo, carcerati, ma anche tanta gente comune alla ricerca di un senso vero del Natale, diventato spesso solo un rito vuoto, che chiede di dare una mano, aiuta a preparare, a raccogliere ciò che è necessario, a servire. Non è un evento bello ma isolato; tutti gli invitati sono amici incontrati tutto l’anno in un’amicizia che nel pranzo trova un momento alto, significativo e familiare. Centinaia di volontari e amici hanno aiutato a realizzare questa grande tavola con un posto preparato per ognuno, seduti insieme realizzando la grande famiglia del Natale intorno a Gesù che nasce. Anche quest’anno ci sarà un pranzo di Natale anche a Rapallo, e si terrà nei locali della parrocchia dei SS. Gervasio e Protasio, alla Casa della Gioventù in via Lamarmora 20, domenica 22 dicembre 2019. Le offerte raccolte al termine del concerto saranno devolute alla realizzazione del pranzo di Natale 2019. Referente per la serata: Sandro Secchi cell. 3472499332–sandro.secchi@me.com

Ricordiamo: Venerdì 13 dicembre 2019 alle ore20,45 presso il Teatro Auditorium delle Clarisse – via Montebello – Rapallo si terrà un Concerto con il gruppo Trallallero I Giovani Canterini di Sant’Olcese

Comunità di Sant’Egidio a Rapallo, Via Frantini, 11 16035 Rapallo Riferimenti per Rapallo: santegidio.rapallo@icloud.com