‘Santa’: imposta di soggiorno, opposizione pronta a dare battaglia

Dall’associazione ‘Progetto Santa Insieme con Voi’ riceviamo e pubblichiamo

Con delibera nr 331, la Giunta comunale di Santa Margherita Ligure approva, su relazione dell’Assessore Valerio Costa (che però risulta assente), l’aumento delle “tariffe imposta di soggiorno per l’anno 2020”.

La decisione viene comunicata a giochi fatti tramite i media, senza un preventivo ed adeguato confronto e senza considerare le esigenze delle strutture recettive che hanno già stipulato contratti con i tour operator per il 2020.

La mancanza di confronto che purtroppo spesso notiamo, causa danni alle categorie e all’immagine della città.

Le tristemente note difficoltà a raggiungere il nostro territorio e la tendenza a scegliere mete alternative, unite al fatto che i comuni limitrofi non hanno, per il momento, deciso di aumentare le tariffe di soggiorno, rischiano di ripercuotersi negativamente sul turismo di Santa Margherita.

Questi motivi ci spingono a considerare che la decisione sia del tutto sbagliata e priva di una programmazione seria che dovrebbe caratterizzare un’Amministrazione coscienziosa.

L’argomento sarà sicuramente oggetto di discussione nel prossimo Consiglio comunale ma, fin da ora, invitiamo i Consiglieri di Maggioranza ad intervenire nel dibattito in maniera costruttiva con l”auspicio di lavorare seriamente in chiave turistica e recedere da questa deliberazione pericolosa. Riteniamo inoltre molto importante la trasparenza e la comunicazione, auspichiamo perciò che le decisioni su come impegnare i proventi della “tassa di soggiorno” siano rese pubbliche e condivise.