Portofino: Martiri Olivetti, Muzio alla celebrazione

Dall’ufficio stampa del Consiglio regionale riceviamo e pubblichiamo

Questa mattina il Consigliere segretario dell’Assemblea legislativa Claudio Muzio ha partecipato a Portofino, in rappresentanza dell’Assemblea legislativa, alla cerimonia commemorativa del 75° anniversario della strage dell’Olivetta.

Dopo la Messa, celebrata alle ore 10 nella chiesa parrocchiale, alle ore 11 è stata deposta una corona di fiori sulla lapide che ricorda le 22 giovani vittime della sanguinosa esecuzione compiuta nella notte fra il 2 e il 3 dicembre 1944, sulla spiaggia dell’Olivetta, dagli uomini della polizia di sicurezza tedesca. «Quella notte, per motivi tuttora non chiariti, 22  prigionieri politici, provenienti dalle carceri di Genova e Chiavari, vennero fucilati e i  loro corpi per anni sono rimasti nascosti in fondo al mare. Nonostante le sorti della guerra fossero ormai segnate – dichiara Muzio – la cieca furia nazista non si arrestò di fronte a giovani prigionieri inermi: è, dunque, dovere delle Istituzioni rinnovare la memoria di questa come di altre spietate esecuzioni con cui la tirannia cercava inutilmente di soffocare il coraggioso anelito di libertà, che cresceva dalla nostra terra. A tutti questi giovani eroi dobbiamo la nostra libertà e i valori democratici che ispirano la nostra Costituzione».

La cerimonia si è chiusa, dopo il saluto del vicesindaco di Portofino Giorgio D’Alia, con l’orazione dello storico Luca Borzani