Rapallo: il sindaco convoca gli ‘stati generali’

Appena trascorso il periodo natalizio, il sindaco di Rapallo Carlo Bagnasco convocherà gli ‘stati generali’. Di fronte alle concrete possibilità di rilancio di una città che soffre della crisi nazionale e di quella ligure, il sindaco vuole sapere se la città è disposta, in un’ottica che guarda al futuro, dare via a lavori che potrebbero attirare ospiti e incentivare le attività turistiche e commerciali. Oppure se preferiscono che la città resti nello stato attuale, gradevole, ma con scarse prospettive future.

Bagnasco ha riportato un successo strepitoso alle ultime elezioni; non può essere rieletto al terzo mandato. Ciò che intende fare è per bene esclusivo della città; ma vuole sia condiviso dalle categorie più direttamente interessate. “Se c’è la possibilità di costruire un posteggio, di istituire un’isola pedonale, di potenziare ciò che oggi attira un cliente”.

Se nel Novecento l’idea dea perseguire per richiamare turisti era quella di contendere il casinò a Sanremo, oggi tutto è cambiato e la facilità di raggiungere altri continenti complica le cose. Non solo: tanti cittadini mugugnano perché lamentano la mancanza di infrastrutture, ma appena apre un cantiere protestano perché i lavori sono fastidiosi. Forse anche in quest’ottica il sindaco vuole sapere chi vuole e chi non vuole tuffarsi nel futuro.

Il sindaco Carlo Bagnasco