Camogli: la fame tradisce il gatto che finisce in trappola (2)

Si è conclusa la telenovela del gatto che viveva sul tetto di un palazzo di via Rosselli a Camogli. E’ bastato che Fabio Borgarelli sistemasse del cibo in una gabbia-trappola. Il tempo per l’uomo di scendere dal tetto e il gatto, uscito dal suo nascondiglio si è fiondato a mangiare facendo scattare la trappola. Non un miagolio, non un tentativo di evasione. Considerato che nessuno, nonostante la notorietà del caso, ne avesse denunciato la scomparsa, è stato liberato nella zona. Dopo un attimo di esitazione, appena ha capito che era libero, è scattato via come una freccia.

Un gatto ben tenuto, in buona salute, certamente domestico di cui forse il proprietario ha voluto disfarsi. Si dice un gatto innamorato, arrivato nel palazzo per trovare una gatta che vi abita e finito chissà come sul tetto dove ha vissuto per almeno una decina di giorni, forte anche di un nascondiglio.