Lavagna: aggressione al pronto soccorso, silenzio dei politici

Ieri abbiamo dato notizia dell’aggressione avvenuta al pronto soccorso di Lavagna dove un operaio, spazientito dall’attesa, ha aggredito una dottoressa e due infermieri. A differenza di quanto avvenuto recentemente all’ospedale Galliera di Genova, dove l’episodio è stato messo a frutto per chiedere la presenza delle forze dell’ordine, qui l’Asl-4 ha preferito tacere l’episodio, riferito dai carabinieri.

Un fatto gravissimo e il personale, a differenza del Galiera, non ha neppure ricevuto una parola ufficiale da parte dell’assessore regionale alla sanità. Nessuna considerazione o richiesta, infine, per ricreare l’ufficio di polizia presso l’ospedale, aumentando ovviamente gli organici di polizia e carabinieri; richiesta che in passato aveva ottenuto risposte parzialmente concrete. Ovviamente la presenza di agenti non servirebbe solo ad evitare aggressioni, ma anche per compiti di istituto. (m.m.)