Levanto: il futuro delle donne afgane passa anche dalla “Cantina di Beppe”

di Guido Ghersi

A Levanto, in frazione Lavaggiorosso, alla “Cantina di Beppe”, anche quest’anno, come ormai è tradizione, si è svolto l’incontro internazionale del C.i.s.d.a.”(Coordinamento Italiano Donne Afgane).

Questa associazione è sorta per sostenere i diritti delle donne afgane in Afganistan, ed ha aperto a Kabul un rifugio per donne maltrattate e diversi centri di aiuto legale per donne che subiscono violenze domestiche.

L’associazione ha anche aperto centri di alfabetizzazione per donne giovani ed adulte ed è attiva anche nel settore sanitario.

L’incontro che annualmente, in estate, si tiene nella frazione levantese, ha come obiettivo il perfezionamento delle richieste delle donne afgane e il confronto con le varie realtà europee che fanno parte della stessa rete. Ma il momento più attivo, è stato anche quest’estate, l’incontro nella “Cantina di Beppe”. L’aperitivo che generosamente Beppe prepara per questi ospiti stranieri, consente a loro di entrare in uno spazio fuori del tempo e di apprezzare il senso dell’accoglienza ligure gustandone i sapori.