‘Santa’: agibile un nuovo tratto di banchina

La Capitaneria di Porto ha autorizzato, con i limiti indicati dall’ordinanza, la possibilità di utilizzo di un nuovo tratto di banchina. A conferma dela voce di cui avevamo dato notizia ieri.

Art. 1 A decorrere dalla data odierna e fino all’emanazione dei prescritti successivi provvedimenti di competenza dell’Autorità Marittima, scaturenti dai lavori di adeguamento ed implementazione della condizioni di sicurezza della diga foranea del porto di Santa Margherita Ligure ed oggetto della Conferenza di Servizi citata in premessa, è interdetto l’accesso sia veicolare che pedonale nel tratto di banchina compreso tra il posto d’ormeggio n.T6 (escluso),ubicato dopo la fine di Piazzale Rizzo e la parte terminale dell’omonima banchina, fino al faro di coronamento, come meglio rappresentato nell’acclusa planimetria.
7 È, altresì, interdetta la navigazione, la sosta e l’ormeggio a tutte le unità navali e qualunque altra attività di superficie e/o subacquea nello specchio acqueo adiacente e circostante il suddetto tratto di banchina, per un’ampiezza di metri 5 (cinque) anche a causa della presenza di materiale lapideo sul fondale marino. Il Comune di Santa Margherita Ligure provveda affinché, sulla parte terminale del predetto molo,vengano affissi appositi cartelli monitori, visibili anche dalle unità navali in transito, per segnalare il presente divieto ed adotti ogni idoneo ed efficace accorgimento volto ad impedire l’accesso nella parte interdetta.

Art. 2 Ferme restando le pertinenti valutazioni, anche nella valorizzazione dei bollettini meteo, e le imprescindibili prerogative e responsabilità, a mente dell’articolo 295 del Codice della Navigazione, del comandante di ciascuna unità ,l’utilizzo della porzione di banchina compresa tra la fine di Piazzale Cagni e il posto di ormeggio n. T6 , ubicato dopo piazzale Rizzo, è consentito, subordinatamente al rispetto delle seguenti condizioni/limitazioni:

  • l’attracco delle unità dovrà avvenire nel pieno rispetto del piano di ormeggi presentato dal Comune di Santa Margherita Ligure;
  • lungo la porzione di diga foranea, individuata tra la fine di Piazzale Cagni ed il posto d’ormeggio n°T6 (compreso), è interdetto l’ormeggio delle imbarcazioni per stati di mare provenienti,a largo,dal settore direzionale compreso tra 125-200 gradi con grado uguale o superiore a 4 scala Douglas;
  • il traffico pedonale lungo la porzione di diga foranea, individuata tra la fine di Piazzale Cagni ed il posto d’ormeggio n°T6 (compreso) è interdetto per stati di mare provenienti,a largo, dal settore direzionale compreso tra 125-200 gradi con grado uguale o superiore a 3 scala Douglas.

Art. 3 L’ormeggio a tutte le unità navali e qualunque altra attività subacquea nello specchio acqueo individuato dal cerchio avente raggio pari a metri 15, centrato nel punto di coordinate Lat. 44°19.882’ N Long. 009°13.048’ E, a causa dell’avvenuta individuazione di una imbarcazione da diporto ivi affondata ed in corso di recupero da parte del legittimo proprietario,sono temporaneamente interdetti fino al recupero della stessa.

Art. 4Il Comune di Santa Margherita Ligure,in qualità di Ente concedente, avrà cura di comunicare tempestivamente e preventivamente a tutti i concessionari presenti nell’intero specchio acqueo portuale le sopraccitate condizioni di sicurezza cui è temporaneamente subordinato l’utilizzo dello stesso,derivanti dalla certificazione tecnica in premessa citata, cosicché l’utenza portuale possa compiutamente valutare le condizioni di ormeggio in porto in sicurezza, in ragione delle condizioni meteo marine previste in zona, e consentire le pertinenti valutazioni di cui al sopraccitato articolo 2.

Art. 5 Le proprie Ordinanze n. 311/2018,in data 05.11.2018,disciplinante l’interdizione dell’intera banchina Rizzo (da Piazzale Cagni al Faro di Coronamento) e il prospiciente specchio acqueo e la n°10/2019, in data 17.01.2019, con la quale è stato interdetto lo specchio acqueo in cui si è verificato l’affondamento del M/P Pinetto Giacomo, sono abrogate.
8 L’articolo 2 della propria Ordinanza n. 123/2019,in data 20.04.2019,con il quale veniva, tra l’altro, interdetto il transito pedonale sull’inizio della rampa di accesso alla passeggiata sovrastante la banchina Rizzo e la struttura di piazzale Cagni, è abrogato.

Art. 6 Il Comune di Santa Margherita Ligure, ai sensi dell’articolo 3 della propria Ordinanza n°118/2016 in premessa citata, nel più breve tempo possibile e comunque in accordo con questa Autorità Marittima, dovrà provvedere al ripristino della segnaletica stradale sia verticale che orizzontale lungo la diga foranea.

Art. 7 I contravventori alla presente Ordinanza, salvo che il fatto non costituisca più grave e diverso reato, se conduttori di un’unità da diporto saranno perseguiti ai sensi e per gli effetti del D.Lgs. 18 Luglio 2005 n° 171ed s.m.i. .Negli altri casi si applicano, salvo che il fatto non costituisca altro più grave reato, gli articoli 1164, 1174 e/o 1231 del Codice della Navigazione. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservare e far osservare la presente Ordinanza, la cui pubblicità verrà assicurata mediante l’affissione all’albo dell’Ufficio, l’inclusione alla pagina “Ordinanze” del sito istituzionale www.guardiacostiera.gov.it/santa-margherita-ligure