Rapallo: a San Michele con “La Dama con il ventaglio”

Da Alessandra Rotta riceviamo e pubblichiamo

Nell’ambito della rassegna culturale Aperitivo con l’autore eccoci ad un altro incontro, come sempre curato e introdotto da Enrica Melossi e Alessandra Rotta, in collaborazione con il Comitato di Quartiere San Michele e il supporto dei bar WineArt e Ultima Spiaggia.

Sabato 13 luglio sarà la volta di La Dama con il Ventaglio, ed. Mondadori Electa, il primo romanzo di Giovanna Pierini, giornalista pubblicista che vive e lavora a Milano e che per anni ha scritto di marketing e management.  

Il romanzo racconta la vita e le opere artistiche di Sofonisba Anguissola, (Cremona, 1532 – Palermo, 1625) una delle più grandi pittrici del Cinquecento, e inizia nel 1625, anno della morte dell’artista, la quale, nei suoi ultimi giorni di vita, tenta di ricordare come ha avuto origine il dipinto che dà il titolo al libro.

La narrazione ripercorre la vita di Anguissola tra Cremona, Genova, Palermo e Madrid, tra palazzi nobiliari, botteghe artigiane, viaggi per mare ed una Palermo devastata dalla peste, sullo sfondo di un’Italia al centro delle corti d’Europa e fa rivivere le atmosfere di un’epoca in cui una pittrice donna non poteva accedere alla formazione accademica e doveva superare numerosi pregiudizi sociali.

Sofonisba fu una tra le prime professioniste a farsi largo nella ristretta società degli artisti e con questo racconto, a cavallo tra realtà e finzione, Pierini ne delinea le ragioni: l’educazione lungimirante del padre, un grande talento e una forte personalità.

Molti personaggi che compaiono nel romanzo sono stati importanti protagonisti del tempo, da Anton van Dyck a Isabella di Valois, al nobile genovese Orazio Lomellini, marito di Sofonisba.

Un racconto molto vicino al nostro territorio poiché proprio nella chiesa di San Michele è conservata una splendida tela di Anton van Dyck: la Crocifissione di Gesù tra i santi Francesco e Bernardo e Francesco Orero. Il legame con il territorio, sempre cercato in ogni appuntamento con contenuti o vicende personali degli autori, questa volta è particolarmente significativo per la connotazione storica del personaggio raccontato, della sua familiarità con la Liguria e per i suoi contatti con il grande fiammingo così ben rappresentato proprio a San Michele. Un’attenzione speciale, nella scelta di temi ed autori, posta dall’ass. Kòres e da A.TRE, per sottolineare come il Tigullio, e in particolare questo breve tratto di costa compreso tra Portofino e Rapallo, abbia avuto ascendenze storiche di rilievo veramente internazionale degne, oggi, di costituire una identità culturale che ha radici profonde e significative.

La presentazione sarà arricchita da letture di Elisabetta Oropallo e dalla partecipazione di Venturella Lanza di Trabia; il tutto nella cornice delle note antiche dell’ensemble musicale Gilda Musicorum.

L’ensemble, nato nel 2013, raggruppa giovani musicisti che suonano insieme sia nel Corpo Bandistico Città di Rapallo sia in altre formazioni.

Il loro repertorio spazia dalla musica del primo medioevo al rinascimento con brani sia di musica sacra che cortese.

Vi aspettiamo, quindi, alle 18,30 nella favolosa piazzetta di San Michele di Pagana a Rapallo, graditi ospiti, e vi ringraziamo per la cortese attenzione e l’aiuto alla diffusione e condivisione dell’iniziativa, che vorrete riservarci