Cinque Terre: case vacanza, un milione di evasione

La Guardia di Finanza ha indagato, controllando anche le offerte proposte su internet; poi è intervenuta nei casi in cui  si intuivano anomalie. Ne è scaturito un quadro di lavoro sommerso con un’evasione, negli anni 2016-17, di circa un milione di euro, oltre a 140.000 di Iva. In diversi B&B delle Cinque Terre e dello Spezzino, il numero dei posti letto era superiore a quello indicato dalla legge; altri affittuari si sono macchiati del reato di peculato avendo trattenuto per sé i soldi versati dai turisti quale pagamento della tassa di soggiorno.