Zoagli: dimissioni a catena, arriva il commissario

Appena ricevuta la relazione della segretaria generale del Comune, il prefetto Fiamma Spena invierà a Zoagli un commissario (il terzo dell’era Rocca) e probabilmente il Comune tonerà a vivere. Un Comune che ha fatto chiudere un asilo rinomato e non ha mosso un dito per tenere aperta una struttura per ragazzi autistici considerata un’eccellenza, nell’arrivo di un commissario troverà certamente un maggiore equilibrio. Senza contare che il Comune ha già un commissario ad acta per non avere approvato il rendiconto 2018.

Dopo la sospensione del sindaco Franco Rocca a seguito della condanna in primo grado per le “spese pazze” effettuate quando era consigliere regionale; la sua maggioranza si è dimessa. Non si sa se per un rito tribale che al sacrificio del capo fa seguire quello degli adepti; o per una strategia dello stesso Franco Rocca che magari spera di poter candidare un suo clone alle prossime elezioni.

Zoagli è una cittadina molto bella e apprezzata, defilata dal grande traffico, il che è un vantaggio, che non merita amministrazioni che vivono di ripicche, di silenzi, di prese di posizione e di decisioni assunte col paraocchi. Secondo chi scrive è necessario un completo rinnovamento nella classe amministrativa in grado di costruire ponti con le altre amministrazioni e di varare un programma che valorizzi le iniziative adeguate alle caratteristiche del borgo. Le elezioni dovrebbero essere indette per la prossima primavera; non c’è tempo da perdere. (m.m.)