Camogli: Teatro Sociale, la stagione del Gruppo Promozione Musicale

Dal Gruppo Promozione Musicale “Golfo Paradiso” riceviamo e pubblichiamo

Teatro Sociale – Camogli

G.P.M. eventi stagione 2019-2020

Giovedì 2 gennaio 2020

Tradizionale Concerto degli Auguri – Bulgaria Classic Orchestra – Dir. Gudni Emilson

Programma:

Prima parte: Brani di musica operistica

Seconda parte: Musiche della famiglia Strauss e autori coevi.  

L’Orchestra Sinfonica Bulgaria Classic ha raggiunto in breve tempo una tale reputazione professionale, da essere oggi riconosciuta tra le più importanti Orchestre Sinfoniche dello Stato  Bulgaro.

Ha in organico i miglori musicisti delle principali orchestre Bulgare (Sofia, Plovdiv, Varna, Burgas, ecc. ecc.). Il suo repertorio include lavori di ogni genere e stile, compreso opere in prima esecuzione.

L’Orchestra ha tenuto numerose tournèe in Italia, Spagna, Grecia e Olanda, partecipando ai festival internazionali: Settimane Musicali di Sofia, Festival dell’Opera dell’Isola di Corfù, Festival Estivo di Madrid e Malaga. Annualmente l’Orchestra promuove, con la Municipalità di Plovdiv, il Festival Internazionale, Winter Music Evenings, in onore del suo fondatore, Prof. Ivan Spassov, ed è invitata ad inaugurare il programma di musica contemporanea bulgara del prestigioso Festival Internazionale di Sofia. L’Orchestra ha inciso su LP e CD ed ha registrato per la Radio -Televisione Bulgara e Greca. Dal 1991 suo Direttore Stabile è il M°Deian Pavlov. I migliori direttori e solisti bulgari e molti ospiti stranieri hanno lavorato con l’orchestra e l’hanno così apprezzata: “E’ stato un piacere lavorare con l’orchestra che ha saputo raggiungere grande maestria artistica” (Manuel Duchesse, direttore principale dell’Havana Simphony Orchestra), 1975; “E’ stata una gioia ed un piacere incontrare i musicisti di Plovdiv. Sono veramente sorpreso di una tale orchestra e di una tale maturità di suono” (Petko Radev, clarinettista e solista al Teatro “Alla Scala” di Milano, 1980); “Ho sperimentato una vera gioia creativa, lavorando con l’orchestra. Essa ha una disciplina perfetta ed i suoi musicisti hanno una consumata passione” (Vasil Stefanov, direttore principale dell’Orchestra Sinfonica della Radio Bulgara),1982; “25 anni di lavoro ed amore! Un’orchestra che occupa un ruolo significativo nella cultura musicale bulgara” (Georgi Robev, direttore principale del “Sveloslav Obretenov” Bulgarian Cappella Choir), 1994; “Lavorare con l’Orchestra Sinfonica Bulgaria Classic per me è una vera provocazione professionale che io ricevo ogni volta con gran piacere” (Biron Fidetzis, principale direttore della Filarmonica di Atene), 1996.

Sul podio il direttore islandese Gudni Emilsson che è al suo debutto sul podio camoglino.

Nato a Reykjavik, il Maestro è stato Direttore musicale della German Tübingen Chamber Orchestra, del Classical Music Festivals dell’Università di Tübingen in Germania, della Camerata Boema Praghese e infine della Thailand Philharmonic Orchestra di Bangkok.

Per gli anni   2010 e 2011 è stato nominato direttore ospite del Haydn Festival di Vienna, della Stuttgart Chamber Orchestra e della San Francisco Chamber Orchestra e infine della Arthur Rubinstein Philharmonic, la più prestigiosa Orchestra delle Polonia.

 In Italia è stato direttore ospite dell´Arena di Verona.

Sabato 29 febbraio 2020

Recital del Tenore Fabio Armiliato

Al pianoforte: Dario Bonuccelli

Programma:

Tosti: L’Ultima Canzone

Tosti: Malia

Tosti: Non t’Amo più

Verdi: Otello: “Dio mi potevi scagliar” 

Pianoforte

Gardel – Le Pera:  Volver

Gardel – Le Pera: El Dia que me quieras 

Gardel – Le Pera:  Por una Cabeza 

Piazzolla -Vuelvo al Sur

Pianoforte

Bernstein:  West Side Story: Maria

Sorozabal: La Tabernera del puerto: No puede ser

Claude François – Paul Anka; My Way

Puccini: Tosca: “E Lucevan le Stelle”        

De Curtis: Torna a Surriento 

De Curtis: Non ti scordar di me                                    

Di Capua: O Sole Mio

Fabio Armiliato ha studiato al Conservatorio Niccolò Paganini della sua città, dove ha anche frequentato un corso di composizione. Vincitore del II Concorso Nazionale Tito Schipa di Lecce e del Concorso Internazionale Pavia Lirica, ha debuttato nel 1984 come Gabriele Adorno in Simon Boccanegra al Teatro Carlo Felice di Genova.

Nel 1989 è stato Cavaradossi alle Terme di Caracalla e Riccardo al Teatro Regio di Parma e nel 1991 Radames in Aida all’Opéra municipal de Marseille. Nel 1993 vi è stata la consacrazione internazionale con il debutto al Metropolitan Opera ne Il trovatore, seguito da Radames in Aida e Turiddu in Cavalleria rusticana.

Altri importanti debutti sono stati: al Teatro alla Scala nel 1994, al Teatro Colón di Buenos Aires e alla San Francisco Opera nel 1994, allo Sferisterio di Macerata nel 1995, all’Opéra National de Paris nel 1996, alla Wiener Staatsoper nel 1998. Nel 1999 ha debuttato all’Arena di Verona cantando Aida e Carmen.

Dal 2000 è stato legato sentimentalmente al soprano Daniela Dessì, con cui ha fatto coppia anche sul palcoscenico in diversi titoli, quali Andrea Chénier, Manon Lescaut, Adriana Lecouvreur, Aida, Simon Boccanegra, Francesca da Rimini. Nel 2011 ha debuttato in Otello all’Opera Royal de Wallonie di Liegi, ha recitato nel film di Woody Allen To Rome with Love, è stato insignito del “Premio Internazionale Tito Schipa” di Ostuni e proclamato cittadino onorario di Recanati nel nome di Beniamino Gigli.                 

Sabato 28 marzo 2020

Coro “I Crodaioli” di Arzignano (Vicenza)

Direttore: Bepi De Marzi

Il loro repertorio, impostato sulle composizioni di Bepi De Marzi, ha superato da tempo i confini nazionali per entrare nell’attenzione di molti complessi vocali stranieri sensibili alle storie di ispirazione popolare.

Da “Signore delle cime”, tradotto persino in giapponese, a “Joska la rossa”; da “Improvviso” a “Brina Brinella”.

I Crodaioli sono sempre stati per la piccola Città tra Vicenza e Verona e per lo spazio intorno, anche una voce critica, “un suono limpido della coscienza”, come diceva Mario Rigoni Stern.

“Espressione coraggiosa della “vicentinità”, vien detto di loro.

In cinquanta anni, continuamente rinnovati nei quattro settori vocali, hanno effettuato più di tremila concerti in ogni parte del mondo.

Hanno realizzato nove incisioni per la Carosello di Milano, distribuzione Universal Italia e pubblicato centocinquanta canti nuovi per le Edizioni Curci, sempre a Milano.

Bepi De Marzi ha fondato nel 1958 il Coro “I Crodaioli”. Ha scritto più di 150 canti nuovi, parole e musica. Insegnante di Conservatorio, ha suonato per molti anni l’organo e il clavicembalo con i Solisti Veneti diretti da Claudio Scimone. Compositore di musica sacra, ha lavorato a lungo con padre David Maria Turoldo e Ismaele Passoni nella nuova proposta poetica e musicale dei Salmi per la liturgia.

In co-produzione con Teatro Sociale Camogli

Domenica 16 febbraio 2020

“Il Barbiere di Siviglia” di Gioacchino Rossini

Compagnia Teatrale Musica Novecento – Dir. Stefano Giaroli

Personaggi e interpreti:

Figaro

Il Conte Almaviva

Rosina

Don Bartolo

Don Basilio