Recco: festa di San Giovanni Battista, grandi preparativi

Qualche decina di anni fa Recco visse un derby per aggiudicarsi il titolo di Patrono della città. Alle finali vinse la Madonna del Suffragio, ma non per questo la festa dello sconfitto, San Giovanni Battista, è stata dimenticata.

La celebrazione, contemporanea a quella del patrono di Genova, cade lunedì 24. E tanto per cominciare è stato deciso di annullare il mercato settimanale (che verrà recuperato una domenica di agosto) per lasciare spazio alla “fiera di San Giovanni”. Poi ci sarà un ritorno alla vecchia tradizione (forse a compensare la soppressione dei festeggiamenti di Sant’Antonio) con l’accensione di falò.

Anche la vigilia sarà valorizzata come accade ad ogni festa patronale con gli spettacoli offerti dai gruppi parrocchiali ed uno stand gastronomico; le luminarie a rallegrare le strade; le tradizionali bancarelle.

Lunedì 24 alle11 la messa solenne presieduta da monsignor Nicola Ciola e concelebrata dai sacerdoti del vicariato. E alla sera dopo il vespro delle 20.30 la processione con l’arca del santo, i grandi crocifissi, gli uomini e donne delle confraternite, la filarmonica Rossini che chiuderà la serata con un concerto. Ma prima, la benedizione del mare, i falò, lo spettacolo pirotecnico,