Rapallo: fondi per danni mareggiata, chi ne ha diritto

Da Nadia Molinari riceviamo e pubblichiamo (vedere anche comunicato Regione pubblicato da Levante News il 12 giugno)

Mi permetto di fare una premessa, al fine di far comprendere meglio il comunicato ricevuto dall’ Amministratore  delegato di Harley Dikkinson Credit Broker, Eraldo Stefano  Menconi, che nel convegno del 30 gennaio scorso si mise a nostra disposizione per rappresentarci  con l’Associazione Bancaria Italiana (ABI). Sin da subito ci si era resi conto che i danni da mareggiata non riguardavano solo chi direttamente era stato danneggiato, ma tutto il tessuto socio economico che gravitava intorno ai Comuni interessati.

A livello istituzionale, forse per non danneggiare l’immagine già compromessa di località turistiche, nessuno ha sottolineato questo aspetto; come Circolo invece, vedendo i danni “dal basso” e rendendoci conto delle difficoltà di chi aveva perso il lavoro o di chi a causa di un minor flusso turistico aveva avuto contrazioni di fatturato, abbiamo cercato di adoperarci anche in questa direzione.

Si precisa che le agevolazioni bancarie che riportiamo di seguito interessano tutta la Liguria là ove danneggiata dalla mareggiata e tutte le attività non solo quelle danneggiate direttamente ma anche quelle che indirettamente hanno subito calo di fatturato, come pure i singoli, quali dipendenti, licenziati o non assunti per causa indiretta degli eventi del 29 e 30 ottobre scorso.  Inoltre per chi ha subito danni diretti, entro il 20 giugno dovrà  presentare la documentazione richiesta dalla Misura 1 e 2 al fine di ottenere il risarcimento, che prevede però  il rimborso solo di quelle attrezzature e lavori eseguiti e pagati entro il 31.12.19. Non tutti però hanno le  somme per ultimare lavori o accquisti di attrezzature entro tale data, a tal fine abbiamo ottenuto la disponibilità di prestiti a breve termine, da restutuirsi quando saranno liquidati i rimborsi. Ritenendo come piccolo Circolo di aver ottenuto molto e che ciò che abbiamo ottenuto possa essere di aiuto a tanti, coscienti  che le Banche non metteranno certo i manifesti, si chiede a media la cortese collaborazione per la massima divulgazione.

*****

“In occasione del convegno promosso dal comitato “Il Tigullio non molla” in data 30 gennaio 2019 oltre alle aziende che si erano rese disponibili ad aiutare le attività danneggiate dalla mareggiata, praticando sconti e/o forme di pagamento personalizzate, (vedi elenco sul sito www.iltigulliononmolla.it) si era messo a disposizione gratuitamente , col suo tempo e le sue competenze Eraldo Stefano  Menconi, Amministratore  delegato di Harley Dikkinson Credit Broker,  per  rappresentarci  con l’Associazione Bancaria Italiana (ABI) affinchè le banche tenessero conto che vi era bisogno di un aiuto particolare  e incisivo, non solo verso le attività direttamente danneggiate dalla mareggiata, ma verso tutto il tessuto socio-economico  che indirettamente, a causa dei gravi danni  alle strutture pubbliche e private, stava registrando  una contrazione  generalizzata dei fatturati, con conseguente  perdita di posti di lavoro.

A tal proposito si comunica quanto ottenuto:

La Commissione Regionale dell’Associazione Bancaria Italiana -ABI-della Liguria,  informata quindi delle problematiche socio-commerciali  generatesi quale conseguenza indiretta dei noti eventi catastrofici  causati dall’eccezionale mareggiata del 29/30 ottobre che hanno riguardato la Liguria, in particolare ai  posti di lavoro perduti  nell’indotto, sia definitivamente che per il lungo periodo del ripristino dei danni da parte dei Comuni ,ottenuta la condivisione dei competenti uffici della Sede di Roma in data 13 marzo scorso,  il Presidente della Commissione Regionale Ligure ha inviato una lettera a tutte le banche con sportelli operativi in Regione per sensibilizzarle sull’argomento.

Nella sostanza tutti coloro che avessero difficoltà a saldare rate di rimborso per  prestiti pregressi per cause connesse anche indirettamente alle devastanti mareggiate dell’autunno scorso, possono confidare nell’attenzione e nell’aiuto del sistema bancario locale.
Parimenti coloro che, pur non avendo debiti pregressi,  necessitassero comunque  di un supporto finanziario per far fronte agli interventi di ripristino della propria attività, possono confidare in un atteggiamento di particolare riguardo da parte delle banche .
Supporto finanziario breve, in funzione all’ottenimento di  rimborso danni previsto  dalle Misura 1 e 2 del  decreto Ministeriale e Regionale inerenti . Tali misure infatti prevedono il risarcimento solo di quei costi  per materiali e  lavori eseguiti e pagati entro il 31 dicembre 2019, senza tener conto che molte delle attività non hanno la totale disponibilità di denaro per ultimarli e saldarli entro tale data.”
Ringraziamo quindi il dott. Eraldo Stefano Menconi e soprattutto la Commissione Regionale ABI della Liguria per l’ interessamento,  certi che la solidarietà che gli Istituti di credito  manifesteranno al territorio, rappresenterà una spinta  fondamentale  per il rilancio della nostra economia.”
Nadia Molinaris e
Loriana Rainusso

Eraldo Menconi al convegno