‘Santa’: “Non parliamo di opposizione, ma di confronto”

Questa sera si è insediato il Consiglio comunale di Santa Margherita Ligure che, come e’ noto, ha visto la rinuncia degli ex sindaci Claudio Marsano e Angelo Bottino suppliti da Fabiola Brunetti e Alessandro De Giovanni. Accertata la candidabilità, eleggibilità, compatibilità e conferibilità di tutti i consiglieri, sono intervenuti nell’ordine Emanuele Cozzio, Fabiola Brunetti, Alessandro De Giovanni, Guglielmo Caversazio, Jolanda Pastine e Valerio Costa. Tutti hanno espresso la volontà di lavorare al meglio per il bene della città e con spirito collaborativo.

Dopo il giuramento, il sindaco Paolo Donadoni pur non facendo un’analisi del voto ha espresso le linee guida che permettono alla sua maggioranza di portare a termine il lavoro iniziato cinque anni fa. Ha sottolineato sia la continuità che il rinnovamento della sua maggioranza. Ha detto che non vorrebbe sentire parlare di opposizione, ma di confronto per arrivare ad una sintesi efficace. Ha rivolto anche un pensiero alla sua famiglia per il tempo che gli sacrifica e per l’apporto ottenuto. Parole di ringraziamento sono state espresse a Bottino e Marsano.

Donadoni ha quindi comunicato i nomi degli assessori: Emanuele Cozzio (che è anche vicesindaco), Linda Peruggi; Valerio Costa; Beatrice Tassara.

Si è proceduto quindi alla nomina dei componenti la Commissione elettorale comunale presieduta dal sindaco; membri effettivi: Patrizia Merchesini, Franco fati, Fabiola Brunetti; membri supplenti: Valerio Costa, Linda Peruggi, Gugliemo Caversazio.

Jolanda Pastine e Fabiola Brunetti hanno chiesto chiarimenti circa la pratica relativa alla proroga tecnica, dall’1 luglio al 30 settembre, alla “Società Progetto Santa Margherita Ligure”, illustrata da Valerio Costa. Dopo una sospensiva per consegnare ai consiglieri la lettera del Comune ad Anac inerente alla pratica che è stata approvata all’unanimità.