Pesca/ lancio, dominio di Fima Chiavari e Francesco Zama

Da Umberto Righi. Fima Chiavari, riceviamo e pubblichiamo un articolo a firma Paolo Mosto

Nei giorni scorsi, sul Campo Gara Federale di Lancio Tecnico, a La Spezia, si sono svolti i Campionati Italiani di Lancio Tecnico (Log Casting) per le Categorie Mulinello Fisso, Lancio di Precisione, Light Casting. I risultati di queste tre specialità attribuivano, il Titolo di Campionato Italiana Assoluto per Società.

E’ stato un trionfo per gli agonisti della ASD FI.MA Chiavari, e di conseguenza per la Società del Presidente Umberto Righi, che può ostentare in bacheca il secondo Gagliardetto Italiano Tricolore conquistato in questa specialità oltre ai più datati nella pesca in mare da Riva..

Andando per gradi, la due giorni del Campionato era iniziata, con un Titolo Italiano assoluto nella Categoria Mulinello Fisso, per il neo acquisto FIMA, Francesco Zama (residente a Sestri Levante), che proprio in questa stagione si è unito al supergruppo Chiavarese, portando in dote una classe purissima, unita ad una costanza di allenamento continua, che lo avevano già portato in Nazionale ai Campionati Mondiali del Sud Africa, e a vincere il titolo Italiano di specialità anche nel 2018 vestendo la maglia della ASD Marinetta di Spezia. Francesco si è integrato immediatamente nella “mentalità” vincente della Formazione Chiavarese, diventandone una stella di prima grandezza anche fuori dalle pedane di lancio. Con la misura di mt 229,50, ha preceduto il “gemello” di Società e grande Amico, Filippo Montepagano attestatosi alla misura di mt 222,13. Terzo il veterano Spezzino Antonio Scrufari della Società organizzatrice (Marinetta), fermatosi a mt 219,47. Quindi accoppiata oro e argento, alla prima gara, che già ponevano la Fi.Ma come pretendente principale al Titolo per Società.

Nel pomeriggio si è svolta la gara più interessante e divertente del calendario: il Lancio di Precisione. Disciplina che presentava ai nastri di partenza ben 40 partecipanti, e che premia l’agonista che nei tre lanci sulle distanze di 80, 100e 120 mt, somma le distanze minime di avvicinamento ad un bersaglio posto via via sul campo di gara. Gara molto aperta, e alla fine delle serie di lanci, premiava Nicola Chitti del S.C. Carrara, che sommava 3,91 totali di distanza dal bersaglio, splendido secondo Simone Del Corso (FIMA) che bissava la medaglia di argento del 2018 con la misura di mt 7,96 e terzo il “papà” Massimiliano del Corso (FIMA) a 9,68 mt con un ultimo lancio fantastico (poneva il piombo alla distanza di mt 1,65 dalla bandiera-bersaglio posta a 120 mt) che lo portava alla medaglia di bronzo, e cosa più importante faceva retrocedere al 4° posto un grande Campione come Matteo Monti, anche egli del SC Carrara. Da rimarcare in questa specialità anche le prestazioni di Francesco Zama (5°) George Botros (12°) e Carmine Costantino (22°)

Con la Compagine Chiavarese Sponsorizzata Colmic, al primo posto si è andati alla terza prova: il C.I. di Light Casting, ovvero il lancio con le zavorre leggere (50 e 75 gr). In questa specialità bisogna lanciare il più lontano possibile, e i metri effettuati nelle due grammature vengono sommati ottenendo la Classifica finale di specialità. E qua i “Gemelli-Fantastici” riescono a piazzarsi al terzo (Montepagano con mt totali 408,96) e quarto posto (Zama con mt.405,79) portando la FI.MA sul tetto Italiano del Long Casting. Seconda la formazione (fortissima) del SC Carrara e terza piazza per Etruria Fishing. In sostanza: una medaglia d’oro, due argenti, ed un bronzo dicono chiaramente senza possibilità di errore, che la compagine più forte e completa nel panorama della specialità lanci, in Italia è la ASD FI.MA di Chiavari, e che il gruppo agonisti è veramente una “Famiglia” Unica, inossidabile e con una Anima che va la di là dell’agonismo, e la rende incredibile.

Paolo Mosto

ll podio