Pallanuoto M/ Camogli: play off, primo atto della semifinale

Dall’ufficio stampa della Rari Nantes Camogli riceviamo e pubblichiamo. Di Nicolò Pagliettini  

Un anno di lavoro, sudore e sacrifici. La Spazio Rari Nantes Camogli è stata artefice di una stagione memorabile fatta di vittorie, bel gioco e tantissimo entusiasmo. In pochissimi a inizio anno avrebbero pronosticato il primo posto in classifica dei bianconeri, eppure, i ragazzi di Temellini settimana dopo settimana hanno conquistato tutti dimostrando di meritare il primato.

E adesso che succede? Forse è questa la domanda che riecheggia maggiormente in tutto l’ambiente, la risposta, però, è molto semplice. Adesso si vuole continuare a sognare facendo crescere i tanti giovani senza porsi alcun limite dopo di che, come sempre, sarà il campo a mettere tutti d’accordo con il suo insindacabile giudizio. Pescara allora, una squadra neo promossa dall’incredibile tradizione che è stata in grado di giocare un buonissimo campionato e che certamente vorrà ritornare al più presto nella categoria che gli compete. L’esperienza e la bravura del numero uno abruzzese rappresentano il prefetto manifesto di una partita che si preannuncia dura e estremamente combattuta.

“Dobbiamo essere tranquilli e giocare la nostra pallanuoto”, spiega Temellini in sede di presentazione, “Abbiamo lavorato sodo per raggiungere questo obiettivo e adesso vogliamo goderci il momento giocando una bella partita. Abbiamo vissuto una settimana molto serena, il nostro obiettivo è sempre stato quello di far crescere i giovani e queste partite servono come il pane per formare i nostri ragazzi. Mi aspetto una gara intensa e molto equilibrata, ma sono certo che con il sostegno della nostra gente potremo fare molto bene”.

La Giuva allora, un fortino colmo di passione in grado di tirare fuori energie supplementari. Saremo il vostro uomo in più, al resto pensateci voi. Il tempo delle parole è finito, ora comanda il campo, ora comandano i play off. Si gioca sabato alle 19.00. Un respiro e poi fuori la voce

Forza ragazzi.