Lettere/ “Pensando al futuro politico di ‘Santa’”

Da Adriano Cavesi riceviamo e pubblichiamo

Elezioni finite, calcoli fatti, maggioranze e minoranze stabilite (o forse no). Una cosa è certa: Donadoni è rientrato in modo assoluto, con molti più voti del previsto (per non parlare del successo di Cozzio). Dall’altra parte abbiamo due gruppi che sono usciti più o meno sconfitti dalle urne, i primi sconfitti sono i membri di “Progetto Santa” capitanati da Marsano, Bottino e Pastine (quest’ultima che si impone con 396 preferenze ma non sufficienti per vincere). Una sconfitta netta, pesante e un distacco troppo elevato per poter invocare la sfortuna o le colpe altrui, ma è anche vero che questo rappresenta la fine di un gruppo politico che ha caratterizzato gli ultimi 25 anni (da Borgo di Mare in poi) e l’uscita di scena di dieci politici, tra protagonisti e registi.

La fazione Caversazio, invece, pur totalizzando solo 1200 voti ha acquistato un posto in Consiglio e ha gettato le basi del futuro, dove il giovane Caversazio con molte probabilità ci riproverà nei prossimi anni.

Cosa succederà? Donadoni governerà tranquillamente per il prossimo quinquennio, poi farà spazio al promettente Cozzio il quale ha già con sé un buon bacino di voti. Non possiamo sapere cosa accadrà dall’altra parte, in quanto molto probabilmente Caversazio si ricandiderà ma non sappiamo chi saranno i componenti della sua squadra, sia perchè è molto presto per dirlo sia perchè non abbiamo idea (si fa per dire) della composizione della minoranza. Nel 2024 ci sarà una mega-coalizione o singoli gruppi distinti?