Vernazza-Corniglia: “No al confronto col foresto”

Da Franco Villa, candidato della lista “Insieme Vernazza e Corniglia”,  riceviamo e pubblichiamo

“Ringrazio il candidato Barli per l’invito a un confronto pubblico: quando si richiedono questi incontri si è in svantaggio e lui lo conferma. È un tentativo disperato, proprio di chi non è di Vernazza e cerca chiedendo un incontro di farsi conoscere un minimo.

Avrei accettato volentieri un confronto con l’attuale sindaco Vincenzo Resasco o con persone della sua squadra, come me nate e cresciute a Vernazza. Possiamo avere vedute diverse, idee lontane, ma ciò che abbiamo vissuto e l’amore per i nostri paesi ci consente di ritrovarci allo stesso tavolo per il bene del nostro territorio. Purtroppo, sono stati tutti messi da parte dai nuovi candidati ed è dunque impossibile.

Si è preferito e scelto un referente politico calato dall’alto a cui è indifferente fare il sindaco di Vernazza, di Pignone o in un altro comune ancora. Anche gli argomenti dei comizi sarebbero gli stessi qui come altrove. . Ma il tempo dei discorsi è finito.

Da consigliere del Parco qualche risultato in questi anni poteva almeno realizzarlo dato che tutti i nostri sentieri sono chiusi e non risultano particolari strategie introdotte in agricoltura.

Abbiamo già fatto esperienza di un altisonante ‘consigliere’ che per cinque anni ha lasciato un banco vuoto nel nostro consiglio comunale e ora una diversa corrente dello stesso partito ha scelto il suo candidato. Logiche a me del tutto estranee e che dovrebbero restare lontane dai piccoli comuni.

Che confronto dobbiamo fare? Veniamo da due mondi diametralmente opposti: ho lavorato tutta la vita, sono ora in pensione e mi voglio dedicare al mio paese, non ho tessere o partititi a cui rispondere così come non le hanno i candidati della mia lista. 

Mi scuso nel declinare l’invito ma il mio tempo preferisco dedicarlo e impegnarlo nel confrontarmi con i miei concittadini”.

Ti potrebbero interessare anche: