Recco: “Confronto tra candidati consiglieri, perché dico no”

Da Massimo Trebiani, candidato sindaco di Recco, riceviamo e pubblichiamo

Come sin qui sempre accaduto, ho scritto privatamente a Sergio Siri, Carlo Gandolfo e Gianluca Buccilli in merito alla proposta di Sergio di trasformare il secondo confronto tra candidati sindaco in un confronto tra 3-4 candidati consiglieri di ciascuna lista.

Riporto e condivido la parte della mia risposta che ritengo sia di interesse dei lettori di Levante News

Condivido pienamente l’idea che sia la squadra e non il singolo la cosa più importante.
Proprio per questo, se ricordate, durante l’incontro organizzato da Agr, in ogni mio intervento mi sono soffermato sui componenti della lista Onda.
E proprio per questo, sulla nostra pagina FB si parla molto più di loro che di me.
Tra di noi non ci sono, però, 3-4 primedonne e 11 persone destinate a ruoli di rincalzo.
Dunque,  non posso e soprattutto non voglio indicare 3-4 persone da presentare. Sarebbe semplicemente ingiusto e scorretto nei confronti degli altri 11.

C’è poi un problema pratico di non poco conto.
4 candidati per 4 liste fa 16 persone.
In un incontro di un’ora e mezza ciascuno di loro avrebbe sì e no 5 minuti per parlare, dunque poco più del tempo necessario a una piccola autopresentazione.
E’ evidente che non vi sarebbe modo di approfondire alcuna tematica, né tantomeno di consentire ai candidati consiglieri di esprimere in modo compiuto la loro personalità e le loro idee.

In conclusione, pur comprendendo  bene le ragioni che hanno spinto Sergio a fare questa proposta la ritengo praticamente impercorribile e del tutto incompatibile con la nostra idea di squadra che come detto non prevede  3-4 primedonne e 11 gregari ma 14 persone tutte sullo stesso piano.

Ciò detto, per me nulla cambia e dunque faccio di cuore tanti auguri a tutti e tre in vista del rush finale dei prossimi giorni.

Ti potrebbero interessare anche: