‘Santa’: Parco di Portofino, sentiero delle Gave; Donadoni precisa

Dalla lista “Donadoni Sindaco” – Insieme per continuare a crescere – riceviamo e pubblichiamo

Come Sindaco del comune di Santa Margherita Ligure e, nel contempo, come Presidente del Parco di Portofino, anche a nome del CDA dell’Ente Parco di Portofino, confermo quanto verbalizzato per iscritto nella riunione del 14 dicembre 2018 in accordo con Soprintendenza, Regione Liguria e Comune di Portofino. Per maggior chiarezza allego il testo per esteso di quel verbale.

Ed aggiungo due precisazioni. 

Non è vero che qualcuno abbia sfruttato l’emergenza per cementificare il parco a scopi personali. C’erano la baia di Paraggi e il borgo di Portofino isolati. Quindi c’era una emergenza reale e un problema di sicurezza della collettività che hanno motivato gli interventi emergenziali.

Non è vero che i lavori pattuiti nella riunione del 14 dicembre 2018 non sono mai iniziati. Il Comune di Portofino ha rimosso la ponteggiatura che era stata posizionata in via Gave, ha rimosso il cemento che copriva le gradinate creando una pista di salita/discesa ed ha così rispristinato le gradinate preesistenti, ha ricostruito la panca in pietra in precedenza distrutta (che peraltro rappresenta oggi un impedimento materiale al transito di mezzi) e ha rimosso varie porzioni di cemento che pavimentavano il sentiero. Quindi quasi tutto il lavoro di ripristino è stato eseguito.

Ma v’è di più.

Come pattuito nel predetto verbale del 14 dicembre 2018, gli interventi di sistemazione del percorso e riqualificazione paesaggistica per il miglioramento di via Gave sono stati inseriti dalla Soprintendenza nella Programmazione Straordinaria ai sensi della Legge n. 190 del 23.12.2014 sulla annualità 2020 per euro 300.961,00.

Ciò premesso, confermo la nostra volontà di rispettare – come stiamo rispettando – quanto pattuito.

Come candidato Sindaco di Santa Margherita Ligure, però, poiché questa non è la prima volta che accade, mi vedo costretto a rilevare come il Consigliere regionale del PD, Luca Garibaldi, venga a fare campagna elettorale per il Segretario cittadino del PD, Guglielmo Caversazio (che infatti a ruota ha fatto seguire un suo identico comunicato stampa), non per valorizzare – come sarebbe legittimo – la figura del suo amico e compagno di partito politico, ma con asserzioni che corrono il rischio di screditare l’immagine di Santa Margherita Ligure e di chi attualmente la amministra. Meglio parlare bene degli amici che gettare ombre sugli avversari, anche perché tutti – confido – vogliamo il bene di Santa Margherita Ligure e del nostro territorio.