Cinque terre: è nata la consulta dei giovani

di Guido Ghersi

Il consiglio direttivo del Parco Nazionale delle Cinque Terre, di recente, ha approvata l’istituzione di una “Consulta dei Giovani”, finalizzata a dare spazio, voce e rappresentanti ai giovani dei tre Comuni (Monterosso, Vernazza e Riomaggiore) con età compresa tra i 16 e i 30 anni. Un laboratorio di idee per lo sviluppo sostenibile e condiviso del territorio.

i compiti a loro affidati sono: favorire la conoscenza del territorio, organizzare e realizzare attività che possono avvicinare le nuove generazioni, promuovere scambi culturali con giovani di  aree protette, rafforzare il rapporto di cooperazione con il Parco Nazionale del Triglav, partecipare attivamente alla redazione dei progetti rivolti al mondo giovanile e gestire la parte del budget  destinato annualmente dall’Ente per il funzionamento della consulta. Per la domanda si può utilizzare la modulistica disponibile nella sede del Parco, alla stazione di Manarola o scaricabile dal sito  internet. La partecipazione avviene in maniera gratuita e con spirito di collaborazione.

 Detta consulta verrà convocata per l’insediamento dal Presidente del Parco (quando verrà nominato), che nominerà nel suo interno un portavoce e un vice portavoce. Al portavoce, che durerà  in carica un anno e non potrà essere rieletto, spetterà il compito di tenere le relazioni con l’esterno e il Parco e la convocazione della consulta. Sarà poi facoltà della stessa consulta, organizzare e realizzare tavoli di lavoro tematici da dedicare all’approfondimento e alla trattazione di specifici argomenti.