Chiavari: le cause della situazione delle Gianelli

Dalle Suore Gianelline riceviamo e pubblichiamo.

Il 30 giugno 2019 chiuderanno la scuola elementare e la scuola media dell’Istituto Gianelli di Chiavari: la notizia, per dovere di trasparenza, è stata comunicata dalla Cooperativa Maria Delle Grazie, che gestisce
l’Istituto da tre anni circa, alle famiglie interessate.

Attualmente, la Cooperativa ha avviato un percorso di accompagnamento delle famiglie in vista del prossimo anno scolastico, interessando, a questo scopo, le scuole pubbliche statali e le scuole pubbliche paritarie di Chiavari e di Rapallo.

Discorso a parte merita il Liceo scientifico sportivo, il cui curriculum di studi permette un passaggio meno agevole ad altri indirizzi scolastici; la Cooperativa, nell’interesse esclusivo degli studenti, sta valutando
alcune soluzioni per cercare di garantire la continuità didattica. Al momento ogni strada positiva viene presa in considerazione, e le decisioni in merito verranno comunicate fra una o due settimane.

Tre le cause principali di questa situazione: innanzitutto un calo demografico sempre più evidente al livello dell’istruzione dell’infanzia ed elementare, che si ripercuoterà, nel prossimo futuro, anche sui numeri degli iscritti delle scuole medie e superiori di tutta la Liguria. Inoltre, l’ottimo livello dell’offerta formativa delle scuole paritarie e statali di Chiavari; e infine il calo delle vocazioni fra suore, che non riescono più a fare fronte alle necessità di ricambio generazionale nella gestione di una struttura complessa come una scuola aperta ai bambini dai due anni e mezzo fino alla maggiore età.

Non si può però accantonare l’aspetto economico: la scuola paritaria, in Italia, non riceve sufficienti contributi statali; per poter pareggiare il bilancio fra entrate ed uscite, dovrebbe chiedere, conti alla mano,
una retta di 4500 euro annuali alle famiglie. L’Istituto Gianelli ha sempre chiesto meno della metà.

Le Suore Gianelline si sono spese in ogni modo per onorare l’impegno a garantire a Chiavari la presenza di un luogo dove far crescere i bambini ed i ragazzi in un’ottica di formazione integrale della persona, compiendo grandi sacrifici sotto il profilo economico per tenere in piedi i bilanci, e garantendo una presenza attenta e premurosa nelle varie incombenze necessarie al corretto funzionamento dell’Istituto.

Inoltre, visto il sempre più esiguo numero e l’elevata età media delle appartenenti all’istituto religioso le suore Gianelline non potranno più di offrire la loro presenza per questo servizio.

La responsabile provinciale per le Suore Gianelline
Suor Giovanna Petronio


Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: