Lavagna: Mangiante ha illustrato il programma ai cittadini

E’ stato molto partecipato l’incontro di ieri sera fra il candidato sindaco, Gian Alberto Mangiante e la cittadinanza. Nell’affollata sala dello Chez Vous di piazza Milano, Mangiante, insieme ad alcuni membri della sua lista civica, ha dapprima illustrato la situazione economica in cui versa il Comune di Lavagna, spiegando con precisione lo stato di salute attuale delle casse comunali e i margini di manovra della prossima amministrazione.
Dopo la doverosa introduzione economica, l’incontro si è orientato sulle proposte della lista “Per Lavagna”, che sono state presentate per aree tematiche.


Uno dei punti nodali del programma indicato da Gian Alberto Mangiante è la ridefinizione di un piano del traffico, intervento strettamente connesso ad almeno altre tre priorità per Lavagna: mare, commercio e decoro. Lo studio e l’applicazione di una rivoluzione viaria, in termini di efficacia e funzionalità, determinerà una migliore accessibilità e fruibilità del fronte mare; una ricaduta positiva per tutto il comparto commerciale e turistico e un recupero di quel decoro urbano, sentito dalla maggior parte dei cittadini come urgenza.

Le principali aree di intervento identificate da Mangiante sono:

Area 1:Via Fieschi – Uscita casello autostradale, dove occorrerà verificare, con analisi e valutazioni, il possibile miglioramento del nodo di uscita del casello autostradale, per mitigare fenomeni di congestione nel periodo di alta stagione.

Area 2: Corso Buenos Ayres – Centro città – Area pedonale. In questo caso è prevista una ridefinizione dei parcheggi in Corso Buenos Ayres tramite gestione degli spazi dedicati, favorendo il deflusso veicolare. Più visibilità per gli accessi al mare e al porto turistico. E la valutazione di aree pedonali tra Piazza Vittorio Veneto, Piazza della Libertà e via Dante.

Area 3: Via Aurelia – Stazione Lavagna. Per quest’area si è pensato ad una predisposizione dell’area privata delle ferrovie dello stato a parcheggio di interscambio, punto di partenza di un servizio navetta. Auspicabile incentivare gli utenti degli stabilimenti balneari a spostamenti su ferro, predisponendo servizi navetta dalla Stazione alle spiagge

Area 4: Via Aurelia – Cavi Arenelle. Su quest’area occorrerà pianificare una razionalizzazione dei parcheggi su Via Aurelia, con la conseguente compensazione dei posti auto con il parcheggio nell’area della stazione ferroviaria. Dal recupero dello spazio disponibile si potrà realizzare una pista ciclabile che costeggia il mare, attrattiva dotata di grande appeal e con interessanti ricadute sul turismo.
Tale intervento comporta contenuti costi di esecuzione, ad oggi, compatibili con le disponibilità finanziarie del Comune.


Il tema del fronte mare è stato ampiamente trattato anche da alcuni membri della lista “Per Lavagna” che hanno sottolineato la peculiarità tutta lavagnese, di un importante sviluppo rettilineo affacciato sulla costa, il maggiore fra le località dell’intero Tigullio, una risorsa unica che andrà valorizzata e sviluppata. Sono state così illustrate alcune delle idee alla base del programma e il modus operandi per realizzarle, sintetizzabili nei seguenti punti:

  • coinvolgimento e dialogo con le realtà balneari;
  • collaborazione e rapporto regolamentato con il mondo del volontariato per la creazione di gruppi di lavoro con il fine ultimo di ottenere maggiori controlli e pulizia di spiagge e passeggiata
  • abbellimento con interventi minimi e poco onerosi come: piantumazione di fiori e piante e realizzazione di piccole zone d’ombra per il periodo estivo
  • verifica dell’accessibilità del litorale ai diversamente abili ed impegno al superamento delle problematiche emergenti (a tale proposito Gian Alberto Mangiante ha già predisposto una serie di incontri con le associazioni, che si occupano di persone con varie disabilità, per verificare insieme a loro l’esistenza di barriere architettoniche e pianificare una migliore accessibilità ai servizi cittadini)
  • maggiore attenzione al ripascimento (effettuato dalla società porto di lavagna) in termini di quantità e qualità dei materiali depositati
  • attenzione alla fruibilità del fronte mare per gli animali da compagnia anche con spazi a loro dedicati
  • valorizzazione del fronte mare anche attraverso l’organizzazione di un calendario di eventi in loco e in sintonia con l’ambientazione marina e balneare
    impegno nel reperimento fondi nazionali ed europei per la realizzazione del sogno di terminare e valorizzare la nostra passeggiata a mare, oggi incompiuta e per una più puntuale tutela delle spiagge.
  • Fra gli altri punti prioritari presentati ieri sera dai candidati a sostegno di Gian Alberto Mangiante, spiccano: eventi, manifestazioni, sport e gastronomia il tutto in funzione di un rilancio della città e della sua immagine. Ruolo importante lo svolgerà il centro storico, ogni anno verranno stabilite linee guida che vadano a costruire un percorso che non si concentri soltanto sui tre mesi estivi ma che vada anche a coprire anche altri periodi dell’anno. Per quanto riguarda invece il calendario estivo si stanno studiando una serie di eventi più o meno importanti e con budget vari,in alcuni casi anche ridottissimi, per garantire una copertura pressoché completa delle serate dei tre mesi con manifestazioni, un lavoro da svolgere in collaborazione con le associazioni presenti e molto attive sul territorio. Individuate tre macro aree: Sport, Arte e Cultura e Gastronomia. Sport: Lavagna gode di un territorio fortunato, con colline immediatamente collegate al mare. Questa caratteristica andrà valorizzata, attivando e promuovendo tutta la rete sentieristica (per trial e sloow walking) pensando anche a punti di ristoro. Sul mare invece Lavagna dovrà riconquistare la tappa del Palio Marinaro, antica tradizione, che lo scorso anno non è stato possibile ospitare, arricchendola con contenuti che coinvolgano anche il centro. La Torta dei Fieschi deve essere il fiore all’occhiello dell’attività culturale, che vorremmo potenziare programmando una serie di altre manifestazioni collegate alla festa di agosto, puntando ad una destagionalizzazione dell’offerta turistica. Per quanto riguarda l’enogastronomia, andrà valorizzata la produzione locale, favorendo la partecipazione a fiere e manifestazioni di settore e facendo in modo che Lavagna diventi sede ufficiale dei pre campionati del pesto che si effettuano a Genova ogni due anni, in questa occasione verrà organizzata un’imponente manifestazione che sia rappresentativa di tutti i prodotti locali del territorio.

Ti potrebbero interessare anche: