Rapallo: il sindaco scrive ai turisti delle seconde case. Loro rispondono

A Rapallo c’è un sindaco tecnologico. C’è l’allerta? Ti arriva un suo messaggio sul telefonino. Partecipa ad un incontro? Ecco la diretta. C’è un avvenimento? Ecco la sua foto postata. Ma quando il caso lo richiede preferisce scrivere una lettera. E’ quanto ha fatto lo scorso 16 gennaio, dopo la mareggiata, inviando una lettera a chi possiede una seconda casa in città; invitandolo a trascorrere periodi di villeggiatura a Rapallo, da Pasqua in avanti, poiché la città sta ripartendo con tante iniziative nonostante i danni della mareggiata di ottobre.

Siamo abituati a ricevere mail, messaggi sul telefono e nella cassetta delle lettere troviamo solo fatture. Avere aperto la busta e avere letto la lettera invito del sindaco ha stupito tutti e in più di un caso ha commosso il destinatario. Fatto straordinario molti proprietari di seconde case hanno voluto rispondere al sindaco manifestandogli la loro simpatia. Di seguito i testi di alcune lettere.

*****

Lettera di A.M.

Gentilissimo dott. Bagnasco,

sono la figlia della signora E.M., cui avete gentilmente inviato la lettera in quanto ospite di Rapallo.

La mia famiglia viene a Rapallo in vacanza da ormai 60 anni, in quanto già i miei nonni nel  ’58 acquistarono l’alloggio. Siamo alla quarta generazione di quasi “rapallesi. Mia mamma, leggendo ieri la sua lettera si è commossa: ringraziamo di tutto cuore per averla scritta e speriamo che la città migliori e continui a rinnovarsi positivamente.

Sicuramente la sua gentilezza e attenzione agli abitanti della città è una cosa rara e le fa davvero onore.

I danni che avete avuto non ci volevano proprio.

Siamo fiduciosi che prima o poi venga data anche una destinazione d’uso ai tanti alberghi liberty ormai in disuso e in stato di degrado, che ricordo nel loro splendore ancora quando ero bambina io negli anni ’70.

Siamo spiaciuti che la scogliera del Pozzetto, vicinissima a casa nostra, territorialmente parte di Zoagli, ma in pratica facente parte di Rapallo e frequentata da abitanti e villeggianti di Rapallo, sia terra di nessuno e sia stata completamente devastata dalla mareggiata. Non c’è più lo “scoglio del diavolo”, da cui ci siamo tuffati per tutti questi anni.

Un grazie di cuore e buon lavoro.

*****

Lettera di M.T.D.

Ricevo in questi giorni Suo gradito quanto inaspettato  invito,  mi complimento con Lei per gli immediati interventi effettuati a seguito dei brutti giorni nei quali la natura ci è stata nemica abbattendosi sulla liguria e in particolare sulla città di Rapallo, momenti che ho seguito con trepidazione anche se da lontano; purtroppo non potrò partecipare da subito ma certamente sarò presente alle  prossime iniziative che vorrà organizzare per far dimenticare quei tristi avvenimenti e far rivivere una vita serena nella bella città di Rapallo; sicura che saranno altrettanto interessanti e curati.

******

Lettera di C.C.

Illustrissimo Signor Sindaco

Comune di Rapallo

Con grande piacere ho letto la Sua bella lettera. Prima i miei genitori ed ora io e la mia famiglia frequentiamo spesso la Sua bella Città nella quale abbiamo una abitazione di villeggiatura.

Sono rimasto sgomento dalla disgrazia che Vi è capitata lo scorso autunno e ho visto con i miei occhi gli effetti devastanti della mareggiata.

Sono sinceramente dispiaciuto dell’accaduto ma da sempre confido nell’alacrità, l’operosità e la voglia di riscatto del popolo ligure che farà sì che la Città torni più bella ed accogliente di prima.

Sono certo che il mio pensiero sia condiviso da tutti gli abitanti ed i villeggianti della Città.

Faccio tanti sinceri auguri a Lei e a tutti coloro che operano per il bene di Rapallo.

******

Lettera di F.S.

Gentilissimo Sig Sindaco della meravigliosa Rapallo,  ho letto con molto piacere la Sua del 16 gennaio 2019. Ho vissuto in effetti con dolore e incredulità quello che è accaduto alla fine dello scorso ottobre, ma nello stesso tempo ho sempre avuto la certezza che la città sarebbe rinata più bella di prima. Lei oggi me ne dà la conferma.  Grazie.  Su una sola cosa dissento da quello che Lei dice: sono pavese di adozione,  ma a Rapallo mi sento a casa mia, non ospite.  Con stima e gratitudine per quanto fa per la città.

*****

Lettera di A.E.

Egr.Signor Sindaco Carlo Bagnasco,

Ringrazio per la bellissima lettera che mi ha inviato: l’entusiasmo con il quale ha descritto la “ricostruzione” è veramente encomiabile e merita la mia incondizionata adesione e plauso a tutte le iniziative per rendere Rapallo più bella e vivibile!

Non mancherò di partecipare con grande piacere, assieme alla mia famiglia e agli amici che ogni estate sono miei ospiti, agli eventi culturali in calendario e di soggiornare felicemente in questa bellissima città.

Porgo un vivissimo grazie a Lei e alla Sua Giunta per il lavoro che state svolgendo e un saluto affettuoso.

*****

Lettera di L.M.

Caro Sindaco,

ho letto con piacere la sua lettera del 16 Gennaio e ammiro l’entusiasmo e l’impegno con cui si è prodigato per restituirci la Rapallo che tanto amiamo.

Ci siamo incontrati la scorsa estate in occasione delle manifestazioni culturali organizzate con intelligenza dal Comune e spero di ripetere la stessa esperienza la prossima estate.

Le sono vicina nello sforzo suo e di tutta la città.

A presto

*****

Lettera di P.C.B. e famiglia

Gent.mo Sig. Sindaco,

mi ha fatto piacere ricevere la sua lettera.

Io e la mia famiglia siamo stati a Rapallo anche nel periodo dell’emergenza, ma non abbiamo mai dubitato che i problemi sarebbero stati risolti.

La ringraziamo per il suo impegno e Le assicuriamo che manterremo le “buone abitudini”

Cordiali saluti

*****

Lettera di P.P.

Gentile Signor Sindaco, grazie della bella lettera del 16 gennaio che mi ha inviato.

Ho iniziato ad essere ospite di Rapallo all’età di 3 anni presso i bagni Nettuno e da allora spesso e volentieri vengo in questa città che amo profondamente.

L’ho vista trasformarsi negli anni da piccolo paese di pescatori in città moderna. Ho vissuto la rapallizzazione,la nascita del porto turistico con la perdita dei bagni Flora e Nettuno ma sempre sono rimasto innamorato di questa città,con la sua gente,i suoi bar,la sua meravigliosa passeggiata.,la sua vitalità.

Ora che sono ormai un anziano medico in pensione non vedo l’ora di tornare anche per assaggiare la vostra focaccia e il vostro cibo genuino.

Posso assicurarle che non manco mai di far pubblicità alla Sua città e ai suoi concittadini.

Grazie della Sua bella lettera

******

Lettera di S. e L.

Caro sindaco

Abbiamo ricevuto con molto piacere la sua lettera.

La seguiamo sempre su Facebook e ammiriamo la sua tenacia per riportare

Rapallo alla sua normalità.Noi siamo venuti in riviera dopo la mareggiata e siamo

tornati a Milano con molta tristezza .Torneremo per le feste pasquali.

Grazie caro sindaco per tutto il suo impegno e..arrivederci

*****

Lettera di P.T.

Egr. Sig sindaco Bagnasco,

Ho particolarmente gradito e apprezzato la Sua del 13 gennaio scorso.

Residente a Cremona,vengo a Rapallo dal lontano 1954 e sento questa stupenda cittadina ormai come una mia dimora.

Di nuovo grazie per le belle notizie che ci ha voluto fornire.

*****

Lettera di G.N.

La ringrazio x la comunicazione inviatami, auspico che continui il suo lavoro con precisione e correttezza dimostrato a tutt’oggi Grazie!

*******

Lettera di M.F.

Egregio Signor Sindaco. Grazie per l’invio della sua gradita lettera, noi amiamo Rapallo e ci consideriamo cittadini di Rapallo. Non riusciremo mai a fare mancare la nostra presenza in città. Anche perché abbiamo seconda casa a Rapallo. Ci auguriamo che nei prossimi mesi la città rinasca e torni più accogliente ed ospitale di prima e che la passeggiata del lungomare torni dopo lungo tempo ad essere vivibile.

*******

Lettera di O.B.

Gent.mo Sig. Sindaco,

La ringrazio molto per l’aver mandato la lettera ai non residenti ma che hanno una proprietà in Rapallo e che annualmente passano un determinato periodo in questa meravigliosa Città.

Sono sicurissima che Rapallo tornerà più bella di prima di quell’infausto fine ottobre che l’ha devastata così crudelmente.

Io ci sarò!