Sestri: “Ospedale, nessun danno, nessuna beffa” (2)

Dall’ufficio stampa dell’Asl4 riceviamo e pubblichiamo.

In relazione alle notizie apparse in ordine a presunte inefficienze nell’ambito del disegno e delle tempistiche legate alla riorganizzazione della rete ospedaliera di Asl 4, si vuole rassicurare tutti i portatori di interesse in merito alla tempestività, alla correttezza ed alla trasparenza del percorso intrapreso.

In particolare, si evidenzia che l’Ospedale di Sestri Levante ha ricevuto le medesime attenzioni programmatorie ed operative riservate ai restanti poli ospedalieri aziendali con contestuale definizione di uno specifico mandato di elevata valorizzazione e dei relativi studi progettuali.

Corre l’obbligo di rilevare come le attività legate ai processi di riorganizzazione in corso siano tra loro strettamente interconnesse, anche se realizzati in ambiti territoriali differenti, si segnala, nello specifico, che il trasferimento dei reparti di Urologia, Otorinolaringoiatria e Day Surgery dall’Ospedale di Sestri Levante a quelli di Lavagna e Rapallo sono stati, necessariamente, preceduti dalla realizzazione delle opere infrastrutturali negli spazi destinati ad ospitarli; tali opere, per le quali, individualmente, è stato necessario adottare tutto l’iter burocratico/autorizzativo previsto dal codice degli appalti (tempestivamente attuato) sono tutt’ora in fase di realizzazione.
In tal senso, infatti, soltanto l’attività degenziale è stata trasferita permanendo presso l’ospedale di Sestri Levante tutta l’attività legata alla piastra cistoscopica e interventistica ambulatoriale che non permette l’avvio contestuale, in tale area, dei lavori di adeguamento già previsti all’interno dell’intera struttura.

Si tranquillizza che non trattasi di “politica dei due tempi” ma di doverosa continuità assistenziale che deve essere assicurata all’interno di un’Azienda sanitaria che deve garantire, costantemente, la risposta ai bisogni di salute della propria popolazione, senza interruzione alcuna a prescindere dalla sua allocazione.

Vogliamo rassicurare che tutti i tempi normativamente previsti per le procedure e gli investimenti sulle nostre strutture sanitarie sono stati puntualmente assicurati e che la rete ospedaliera di Asl 4 prevede una programmazione organizzativa efficace e senza “buchi”.

Nell’ottica della trasparenza dell’azione amministrativa, che sempre ci ha contraddistinto, vogliamo informare i nostri assistiti che sono al momento in corso le procedure per l’affidamento dei lavori strutturali e di adeguamento su tutte le nostre strutture per un ammontare complessivo pari a circa 8,763 milioni di euro, di cui oltre 3 milioni nell’Ospedale di Sestri Levante, le cui procedure stanno impegnando, a tempo pieno, tutti i professionisti tecnici ed amministrativi dell’Azienda.

Stupisce che, nell’ambito di un così complesso e rilevante disegno di riorganizzazione, peraltro in ambito “pubblico sanitario”, si possa pensare che le strutture sanitarie possano essere “riempite” con la rapidità del pensiero; riorganizzeremo le nostre strutture sanitarie con efficienza ed appropriatezza senza riempimenti ma con razionalità se ci sarà consentito di lavorare nei tempi necessari.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: