Avegno: interrogazione sulla situazione finanziaria del Comune

Da Alternativa Avegno riceviamo e pubblichiamo. Di Fabio Triuzzi.

La giunta Comunale di Avegno ha recentemente approvato due distinte delibere per richiedere al tesoriere, ovvero al Banco di Chiavari e della Riviera Ligure, anticipazioni di cassa per gli anni 2018 e 2019 (al netto di errori formali voluti o meno) ai fini di “assicurare la liquidità finanziaria necessaria a garantire il pagamento delle retribuzioni al personale dipendente, l’assolvimento delle spese obbligatorie e degli impegni assunti nei confronti dei creditori ” per un totale di quasi 1.200.000 euro; già nel 2017 la giunta Canevello aveva richiesto alla tesoreria anticipi per 620.000 euro, e così negli anni precedenti.

Di prassi gli anticipi di cassa, per cui si pagano migliaia di euro di interessi passivi, vengono concessi per far fronte a temporanea carenza di liquidità in corso dell anno. Per la giunta Canevello il ricorso alle anticipazioni ormai è diventata prassi consolidata e sempre più sottile diventa la linea che ci separa dalla dichiarazione di dissesto finanziario,

Credendo che i nostri concittadini debbano essere informati e possibilmente rassicurati, nel prossimo consiglio Comunale interrogheremo su questo argomento il Sindaco che ha la delega al bilancio, ricordandogli che un Comune va amministrato con senso di responsabilità non facendo ricadere sui cittadini il peso della propria incapacità amministrativa; a distanza di quattro mesi dalla fine del mandato ci dovrà spiegare che tipo di situazione finanziaria intenderà lasciare in eredità ai prossimi amministratori e soprattutto quale futuro ci sarà per i servizi a favore dei cittadini di Avegno.