Lavagna: “La Shoah raccontata dai ragazzi e ai ragazzi”

Da Maria Giuseppina Parodi riceviamo e pubblichiamo

Giornata della Memoria.

“La Shoah raccontata dai ragazzi e ai ragazzi”.

“A noi giovani costa doppia fatica mantenere le nostre opinioni in un tempo in cui ogni idealismo è annientato e distrutto, in cui gli uomini si mostrano dal loro lato peggiore, in cui si dubita della verità, della giustizia e di Dio”. (Anna Frank).

Mercoledi 30 e giovedi 31 gennaio, sono stati organizzati, dall’Istituto Comprensivo di Lavagna in collaborazione con l‘A.n.p.i, due momenti per rievocare una delle date più significative dell’anno: 27 gennaio 1945, giorno in cui furono sfondati dall’armata russa i cancelli del campo di sterminio di Auschwitz, svelando al mondo l’orrore, il genocidio posto in essere dalla Germania Nazista.

L’iniziativa “La Shoah raccontata dai ragazzi e ai ragazzi”, intende suscitare riflessioni su due valori assoluti : il valore della memoria ed il valore della dignità dell’uomo.

La Giornata della Memoria deve far conoscere alle giovani generazioni quanto accaduto, per formarne la coscienza, attraverso il racconto della storia, affinché non si celino dietro il “muro grigio dell’indifferenza”, che impedisce di vedere “il male intorno”.

Mercoledì 30 gennaio, presso la Scuola Don Gnocchi, l’Associazione Culturale ”Lupus in fabula” ricorderà la Shoah con lo spettacolo “Il cielo sopra Berlino”. scritto e diretto da Aldo Craparo, con gli attori della Fucina di Jonathan e Teatralmente Instabili.

Gli alunni della Scuola Primaria e Secondaria di primo grado, diventando protagonisti, daranno voce, in un forte approccio emozionale, a bambini, ragazzi ed adulti sopravvissuti ai campi di sterminio, ripercorrendone le testimonianze attraverso pagine toccanti (Il Diario di Anna Frank, La Storia di Vera, L’amico ritrovato di Fred Uhlman, Se questo è un uomo di Primo Levi, Scolpitelo nel vostro cuore di Liliana Segre e altri ancora).

Giovedi’31 gennaio ore 10.00, presso l’Auditorium di Lavagna, altro momento significativo di riflessione a cura di Daniele Lazzarin , Associazione Lamaca Gioconda , in un percorso educativo nella Storia e nel Cinema.

Gli alunni del corso musicale accompagneranno i brani evocativi con la musica, motivo di sopravvivenza in quell’orrore e le note struggenti di brani conosciuti si diffonderanno per le vie cittadine, grazie alla partecipazione della Baba Yaga Band.

Perché “La Shoah raccontata dai ragazzi e ai ragazzi”. Per conoscere ciò che è stato. Per ricordare. Perché?

“L’indifferenza è più colpevole della violenza stessa. E’ l’apatia morale di chi si volta dall’altra parte ; succede anche oggi verso il razzismo e altri orrori del mondo . La memoria vale proprio come vaccino contro l’indifferenza“. (Liliana Segre).