Chiavari: l’amministrazione comunale in cerca di aule

Dall’ufficio stampa del Comune di Chiavari riceviamo e pubblichiamo

Ieri pomeriggio l’assessore alla Pubblica Istruzione, Fiammetta Maggio, e il capogruppo di Avanti Chiavari – Marco Di Capua Sindaco, Dott. Alberto Corticelli, hanno effettuato un sopralluogo presso l’Istituto Caboto e il Liceo Luzzati a Chiavari. Scopo della visita constatare gli spazi disponibili per l’insediamento delle classi del liceo Linguistico Da Vigo – Nicoloso da Recco. Presso il Luzzati gli amministratori hanno riscontrato un ottimo livello del servizio scolastico e dell’organizzazione del liceo stesso, ed hanno rilevato come gli spazi esistenti siano utilizzati per svariate attività svolte nella quotidianità scolastica.

Altrettanto positiva l’offerta educativa riscontrata durante la visita al secondo piano dell’istituto Artigianelli di Corso Millo, utilizzato attualmente dall’istituto Caboto, luogo destinato ad ospitare il liceo linguistico Da Vigo: si tratta di cinque aule, un laboratorio e servizi.

Vista l’importanza degli spazi nell’economia dell’intero sistema scolastico cittadino, l’amministrazione comunale è pronta, come sempre, ad offrire collaborazione interfacciandosi con Città Metropolitana, che ha il compito di individuare le aule da assegnare all’istituto Caboto, in modo tale sostituire pariteticamente quelle che saranno assegnate al nuovo liceo linguistico.

Conclude il capogruppo di Avanti Chiavari – Marco Di Capua Sindaco, Dott. Alberto Corticelli, “Accogliamo favorevolmente la possibilità di arricchire l’offerta formativa scolastica che potrà incrementare il ventaglio di scelte per le famiglie chiavaresi, e rivendichiamo il ruolo della città come principale polo scolastico del Tigullio, sempre più attrattivo per gli studenti del comprensorio. Un’offerta inevitabilmente destinata ad ampliarsi ulteriormente dopo le nostre scelte programmatiche. La nostra maggioranza persegue costantemente l’efficientamento dei plessi scolastici cittadini con costanti iniziative e destinazione di fondi, dal programma di messa in sicurezza alle manutenzioni straordinarie, fino al confronto continuo con i tecnici del settore”.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: