Sestri: milite ruba automedica, caso senza spiegazioni

I carabinieri attendono i risultati tossicologici delle analisi che potrebbero spiegare cosa abbia indotto un milite di 21 anni dei Volontari del Soccorso di Sestri levante a rubare con uno stratagemma un’automedica per fuggire in autostrada e schiantarsi a Genova, tentando poi, quasi illeso, la fuga.+

La storia la raccontano oggi sul Secolo con una prosa asciutta e senza fronzoli, Debora Badinelli e Sara Olivieri.

Il giovane sabato sera partecipa a “Silent night” il cui servizio d’ordine lo allontana per il suo comportamento (e già questo è grave). Il giovane, con fredda lucidità, telefona quindi al 112 chiedendo l’intervento urgente in una strada vicino alla sede dei Volontari che accorrono; lasciando così la sede incustodita. Il giovane può quindi impadronirsi dell’automedica, percorrere la via Aurelia a tutta velocità fino a raggiungere Lavagna e imboccare l’A-12 . A Genova si schianta, esce quasi incolume e tenta la fuga, bloccato dai carabinieri.

Il giovane era milite da alcuni anni della pubblica assistenza del cui consiglio direttivo aveva fatto parte. Danni all’auto e un danno all’immagine a tutte le pubbliche assistenze. Nonostante la reputazione delle stesse non possa essere certo scalfita da una mela marcia. Ma è noto che in genere il mondo del Volontariato è in crisi e simili episodi certo non aiutano. Ai Volontari del Soccorso di Sestri Levante va la solidarietà di tutti quelli che hanno beneficiato dei suoi servizi.