Pallanuoto F/ Il Rapallo vince ai rigori ed è in finale

Dall’ufficio stampa del Rapallo Nuoto e Pallanuoto riceviamo e pubblichiamo. Di Silvia Franchi

Final Six Coppa Italia Femminile 2018/19 – Centro federale di Ostia – Semifinale 2

L’Ekipe Orizzonte – Rapallo Pallanuoto: 12-13 (7-7 dopo i tempi regolamentari)

L’Ekipe Orizzonte: Gorlero, Ioannou, Garibotti 2, Bianconi 1, Aiello, Spampinato, Palmieri 2, Marletta, Van Der Sloot 1, Koolhaas 1, Riccioli, Giuffrida, Condorelli. All. Miceli

Rapallo Pallanuoto: Lavi, Zanetta, Viacava, Avegno 2, Marcialis 2, Gagliardi, Giustini, D’amico, Emmolo 2, Zimmerman, Genee, Cocchiere 1, Risso. All. Antonucci

Parziali 1-1, 2-1, 3-2, 1-3

I tempi regolamentari si sono conclusi 7-7.

Serie tiri di rigore: Garibotti gol, Emmolo parato, Marletta paolo, Zanetta gol, Palmieri gol, Genee parato, Van der Sloot parato, Avegno gol, Bianconi gol, Marcialis gol, Garibotti gol, Emmolo gol, Marletta gol, Zanetta gol, Palmieri parato, Genee gol. Uscite per limite di falli Zimmerman (R) e Aiello (O) nel quarto tempo. Ammonito per proteste Antonucci (allenatore Rapallo) nel primo tempo. Nel secondo tempo, al minuto 4’20”, Lavi para un rigore a Bianconi. Superiorità numeriche: Orizzonte 4/9 + un rigore fallito e Rapallo 5/12.

È finale. Il Rapallo Pallanuoto approda al match che vale la Coppa Italia 2018/2019. Lo ha fatto andando a vincere ai tiri di rigore la semifinale 2 contro l’Ekipe Orizzonte: quarto tempo al cardiopalma, Orizzonte a +2 al termine del terzo tempo (6-4), poi la svolta nell’ultimo parziale. Il Rapallo trova il pareggio, addirittura si porta in vantaggio (6-7), a 20 secondi dalla sirena Garibotti per l’Orizzonte riporta il risultato in parità. I tempi regolamentari si chiudono sul 7-7, l’accesso alla finalissima si deciderà con i tiri di rigore. Quello decisivo è di Amarens Genee: 12-13 e il Rapallo sogna.

«Prima di tutto devo fare i complimenti alle ragazze: hanno giocato un’ottima partita, nel momento più critico, il 6-3 per l’Orizzonte, hanno dimostrato di essere una grande squadra, che non molla mai – commenta il coach Luca Antonucci – Siamo riusciti a battere per la seconda volta consecutiva l’Orizzonte, che è una delle squadre più forti d’Europa, e questo è un grande merito. Non era una partita facile, abbiamo battuto la squadra più forte del campionato. Diciamo che abbiamo vinto anche sul campo, l’ultima superiorità a loro favore, che è valsa il gol del pareggio e quindi i rigori, era quantomeno dubbia. Poi abbiamo avuto la meglio ai tiri di rigore: si vede che era destino e meritavamo la finale. Ora, subito testa a domani: sarà una battaglia. Vedremo di giocare al meglio e di divertirci »

Domani, le gialloblu si contenderanno il trofeo: di fronte la SIS Roma, che ha avuto la meglio sul Plebiscito Padova. Si giocherà alle 16.45, diretta su Rai Sport.