Camogli: c’è don Danilo, chiesa nuovamente gremita

Ieri, in occasione della messa di mezzanotte nella basilica dedicata alla Madonna Assunta a Camogli, la chiesa è tornata ad essere gremita. Chi ha assistito alla celebrazione lo ha riferito compiaciuto ad amici e conoscenti. Già, perché il ritorno dei fedeli acquista un particolare positivo significato: la Comunità si ricompone.

Il merito è del nuovo arciprete don Danilo Dellepiane che in pochi mesi si è guadagnato la fiducia e, con parole semplici, ha saputo riportare nella parrocchia di origine fedeli che avevano preferito accostarsi ai sacramenti in altre comunità parrocchiali del Vicariato. Il ritorno dei parrocchiani potrà essere la base anche per affrontare i problemi di manutenzione a lungo trascurata di basilica e canonica.

Occorre però tenere i piedi a terra, essere realistici e non chiedere l’impossibile a don Danilo che si fa in quattro per assolvere tutti i suoi impegni di parroco di Testana, la più bella frazione di Avegno, e soprattutto di rettore dell’importante Santuario della Madonna del Suffragio di Recco.

Nella foto don Danilo Dellepiane a Recco in un’immagine di archivio.