Pallanuoto F/ Il Rapallo ha ragione dell’Orizzonte 9-6

Dall’ufficio stampa del Rapallo Nuoto riceviamo e pubblichiamo di Silvia Franchi

Campionato serie A1 femminile – 7^ giornata:

Rapallo Pallanuoto – L’Ekipe Orizzonte: 9-6

RAPALLO PALLANUOTO: Lavi, Zanetta, Viacava 2, Avegno 1, Marcialis 2, Gagliardi 1, Giustini, D’amico, Emmolo 1, Zimmerman, Genee, Cocchiere 2, Risso. All. Antonucci

L’EKIPE ORIZZONTE: Gorlero, Ioannou, Garibotti, Bianconi 2, Aiello 1, Spampinato, Palmieri, Marletta 1, Van Der Sloot 2, Koolhaas, Riccioli, Santapaola, Condorelli. All. Miceli

Parziali 2-2, 4-0, 2-1, 1-3

Uscite per limite di falli Marcialis (R), D’Amico (R) e Zimmerman (R) nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Rapallo 4/14 e Orizzonte 3/18. Espulse per reciproche scorrettezze Emmolo (R) e Koolhaas (O) e per proteste Marletta (O) nel quarto tempo. Spettatori 250 circa

Quando si gioca una partita praticamente perfetta, di solito il successo arriva. Oggi il Rapallo Pallanuoto ha giocato una partita praticamente perfetta. E il successo è arrivato. Impresa delle gialloblu, che oggi al Poggiolino hanno sconfitto 9-6 L’Ekipe Orizzonte capolista.

Grande prova di carattere di Lavi e compagne, che scendono in campo con la grinta e la determinazione di chi vuole andare a vincere la partita e farlo nel migliore dei modi. Una partita ad alta concentrazione di giocatrici delle nazionali, dove lo spettacolo e la qualità non sono mancate oltre ai ritmi intensi.

Al termine del secondo tempo, un Rapallo coriaceo conduce 6-2. Dopo un primo parziale di gioco di sostanziale equilibrio (ai gol gialloblu, entrambi con beduina, di Marcialis e Cocchiere rispondono Van Der Sloot e Aiello), le padrone di casa ingranano la quinta e accelerano con decisione: Avegno, Emmolo (serie di finte e tiro che si insacca alla sinistra di Gorlero tra gli applausi del pubblico), Viacava e ancora Marcialis portano le gialloblu a +4 e il Rapallo inizia a sognare.

Ma c’è da soffrire. Perché le qualità dell’Orizzonte non si discutono e la partita è ancora lunga.

Cambio campo e subito Rapallo ancora in gol, ci pensa Agnese Cocchiere. Risponde l’olandese Van der Sloot dalla parte opposta per il 7-3, poi sul finale di tempo arriva la staffilata di Giulia Viacava a portare il risultato sull’8-3.

Quarto tempo, il match si surriscalda: tante espulsioni (quattro uscite per limite di falli e tre cartellini rossi) e un Orizzonte che non molla la presa complice qualche distrazione sul versante gialloblu che lascia campo alla squadra di Martina Miceli, a segno con Marletta e doppietta di Bianconi. A tre secondi dalla sirena, il gol della giovane Gagliardi suggella il risultato: il Rapallo si aggiudica il big-match della 7^ giornata di campionato davanti al pubblico delle grandi occasioni. Tra i presenti nella tribuna gremita, il presidente della Pro Recco Maurizio Felugo e il tecnico federale Giacomo Grassi, che assieme all’ex portiere del Setterosa Elena Gigli e al tecnico regionale Alberto Bodrato ha seguito il collegiale della rappresentativa nazionale area Nord-Ovest nate 2004 e seguenti che si è tenuto al Poggiolino al termine del match di A1 femminile.

«Abbiamo giocato una grande partita soprattutto dal punto di vista mentale, affrontandola nel migliore dei modi e senza alcun timore reverenziale, che era la cosa più importante – commenta il tecnico Luca Antonucci – Abbiamo dimostrato di essere più forti di loro in questo momento, e sottolineo “in questo momento” perché, per come è strutturato il campionato, bisogna vedere se saremo in grado di vincere contro l’Orizzonte anche in un’ipotetica sfida in Final Six. Faccio i complimenti alle ragazze, perché li meritano. Ora è fondamentale non montarsi la testa: questa squadra ha grandissime potenzialità e ancora ampi margini di miglioramento, ma il campionato non è certo finito qui e dobbiamo continuare a lavorare andando avanti sulla strada che abbiamo intrapreso».

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: