‘Santa’: Donadoni e Cozzio e il sopralluogo dei funzionari

Dal Comune di Santa Margherita Ligure riceviamo e pubblichiamo

Dichiarazione del Sindaco di Santa Margherita Ligure Paolo Donadoni e del Vicesindaco Emanuele Cozzio, con delega alla Protezione Civile in merito al sopralluogo di ieri pomeriggio dei funzionari di Protezione Civile.

“Dal giorno della mareggiata stiamo lavorando  in stretto contatto insieme con gli Enti Sovraordinati che da subito ci sono stati vicini, con il Ministro Togninelli e il Vice Ministro Rixi, con Regione Liguria, in particolare con il Presidente Toti e con l’Assessore Giampedrone (che ringraziamo per la costante presenza e operatività), con Città Metropolitana e con le Amministrazioni comunali vicine a noi. Insieme siamo fiduciosi di riuscire a superare danni inimmaginabili in tempo utile per non perdere la prossima stagione turistica.

Il sopralluogo dei funzionari regionali e nazionali di Protezione Civile non solo conferma la vicinanza delle Istituzioni a Santa Margherita Ligure ma  ha permesso di spiegare e di far vedere nuovamente, al di là delle comunicazioni ufficiali già avvenute in via telematica, cosa è successo e quali sono gli interventi effettuati nell’immediatezza dei fatti e quelli da approntare al più presto.

In particolare quelli sulla diga del porto di Santa Margherita Ligure, porto pubblico, che necessita di un intervento complessivo stimato in prima battuta in Euro 15.000.000,00.

Il nostro porto difende gran parte dell’abitato cittadino e quindi, nelle condizioni attuali, rappresenta un potenziale pericolo per la sicurezza della città.  Senza dimenticare, naturalmente, l’aspetto economico: il porto è un volano importante per l’economia della nostra comunità nonché per casse stesse del comune.

Ai Funzionari arrivati in città, che ringraziamo per l’attenzione dimostrata, abbiamo ribadito che Santa Margherita Ligure è il comune che conta i danni maggiori a strutture pubbliche: la strada per Paraggi e Portofino, la diga del porto, il depuratore, il fronte mare cittadino: un saldo che è già salito a 41.830.000  euro”.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: