Portofino: “Dai 5 Stelle idee e aiuti concreti al Tigullio”

Dallo staff dell’onorevole Roberto Traversi riceviamo e pubblichiamo

“Sia chiaro: le nostre non sono e non saranno mai delle banali passerelle. Noi non siamo come quei politici che hanno visitato i luoghi del disastro senza poi riuscire ad ottenere alcunché”.

Non usa mezzi termini il deputato del MoVimento Cinque Stelle Roberto Traversi che ribadisce, ancora una volta e dopo aver letto articoli di giornale davvero “sconcertanti” sulla visita sua e di due Europarlamentari del M5S sui luoghi del maltempo, l’impegno, la determinazione e l’attenzione per il territorio dimostrata da tutti i portavoce e rappresentanti pentastellati a seguito dell’eccezionale ondata di maltempo che si è abbattuta sulla Liguria.

La richiesta di utilizzare il Fondo per la ricostruzione Europeo è stata incentivata e suggerita proprio dalle due Europarlamentari del M5S che sono state disponibili ad accorrere sui luoghi del disastro invitate soltanto il giorno prima.

“Portare nel Tigullio il Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti – prosegue Traversi riferendosi al recente sopralluogo di Danilo Toninelli – non significa promuovere una passerella fine a se stessa, bensì permettere a uno dei principali dicasteri coinvolti nella gestione dell’emergenza ligure, di osservare con i propri occhi i danni e i disagi subiti dalle cittadine flagellate”.

I frutti del lavoro e della sensibilizzazione dei parlamentari del MoVimento Cinque Stelle si stanno già raccogliendo: “Ieri sera, il Governo ha concesso lo Stato di emergenza alla nostra Regione e ha già stanziato per la Liguria 6,5 milioni di euro con cui far fronte ai primi danni”, spiega con soddisfazione il deputato M5S Traversi.  Ulteriori 14 milioni saranno erogati a breve con un decreto ad hoc del presidente del consiglio Conte.

Inoltre i Parlamentari del M5S hanno restituito dai loro compensi due milioni di euro alla protezione civile per il sostegno alle zone colpite dalle calamità, un aiuto concreto che niente ha a vedere con selfie e passerelle come qualcuno ha sostenuto.

“L’impegno economico del Governo è un segnale concreto della volontà di far ripartire l’economica locale, quella stessa volontà comune a tutti i rappresentanti del MoVimento nel territorio, da sempre schierati dalla parte dei cittadini”.

Quella che non dovrà mai mancare, a partire dalle prime fasi di gestione dell’emergenza, è l’attenzione all’ambiente: “La Liguria è già stata messa in ginocchio troppe volte dal maltempo e dal dissesto idrogeologico. La parola d’ordine, d’ora in poi, dovrà sempre essere “prevenzione” – conclude Traversi – Ogni futura opera realizzata dovrà tener conto dei cambiamenti climatici seguendo principi prioritari di rispetto e tutela dell’ambiente circostante”.

Su questo, assicura il portavoce, “sarò pronto a vigilare e a dare battaglia, nell’interesse di tutti i cittadini£.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: