Portofino: lunedì sbarca un’ambulanza. E una passerella

Oggi, sotto la pioggia battente, il traghetto Ichnea è tornato a Portofino per sbarcare i camion  con le ricariche del gas che alimenta Paraggi e Portofino. Nello stesso tempo ha imbarcato 38 auto di portofinesi sbarcate poi a Genova; prelevate dai proprietari che hanno raggiunto lo scalo in pullman per trasferirle a Santa Margherita che equipara gli automobilisti del Borgo ai propri con relative tariffe agevolate. Ma c’ è un’altra conquista del sindaco Matteo Viacava a cui abbiamo rivolto alcune domande.

Il traghetto tornerà lunedì. “Sì sbarcherà un’ambulanza che gestiranno a turno le pubbliche assistenze del Tigullio occidentale. Con l’ambulanza arriveranno anche la vicepresidente della Regione Sonia Viale, la dottoressa Rebagliati direttore generale dell’Asl 4  e il dottor Serra. Gli anziani si sentiranno più tranquilli”.

Aspetta anche un pullmino  “Intanto arriverà una passerella pedonale, utile anche per i futuri lavori. Ma intanto il pullman potrà portare turisti e residenti da Santa Margherita fino  all’interruzione della strada. Scesi, i passeggeri percorreranno duecento metri a piedi, grazie alla passerella supereranno il punto critico. Poi troveranno il pullmino che li porterà nel Borgo. E viceversa. Occorre guardare avanti”.

Sul rifacimento della strada carrozzabile lei è ottimista?  “Bisogna esserlo, guardare l’aspetto positivo delle cose. Se questa disgrazia fosse arrivata inizio stagione sarebbe stato molto peggio. Io mi auguro che presto troveremo la soluzione; si tratta di rifare 150 metri di strada per un costo di tre, quattro milioni. Questa strada alimenta un’industria importante, impossibile non ricostruirla subito. Basti pensare che Atp riesce a pareggiare il bilancio grazie ai viaggi a Portofino”.

Ha incontrato membri del Governo, l’hanno rassicurata? “Ho parlato col ministro Toninelli e il sottosegretario Giorgetti e  sono convinto che ci aiuteranno. Intanto ci sarà la dichiarazione dello stato di emergenza che è il primo passo; poi vedremo. Intanto avremo un sopralluogo del Provveditorato opere pubbliche e del Demanio”.

Matteo Viacava

In questo difficile momento lei ha avuto grande solidarietà.  “Il lavoro ripaga sempre. Io comincio adesso a dormire cinque ore a notte. Alla sera io e Giorgio D’Alia siamo in Comune fino a mezzanotte. Io seguo le cose sul campo, lui guarda più le carte, ma è efficientissimo. Quanto alla solidarietà è stata davvero grande”.

In particolare dal Circomare. “La mattina dopo la tempesta mi ha telefonato da Roma l’ammiraglio Giovanni Pettorino; mi ha chiesto come era la situazione e dopo avere telefonato alla Capitaneria di Genova  ha inviato una motovedetta da Civitavecchia. Ma vicina ci è stata ed è anche la Regione con Toti e Giampedrone, la Viale. La solidarietà è stata ed è moltissima; l’elenco delle persone da ringraziare è veramente lungo”.

Chi ha potuto si è trasferito a Santa, quanti sono oggi i residenti nel Borgo? “Circa 150, ma gli altri non vedono l’ora che tutto si sistemi per ritornare e vivere una grande stagione turistica. “.

 

 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: