Cinque Terre: sentieri monitorati da elicotteri, droni e i soci del Club Alpino

di Guido Ghersi

In questi giorni i sentieri delle Cinque Terre vengono monitorati sia dall’elicottero in volo che da droni, mentre i soci del Club Alpino-Sezione della Spezia percorrono a piedi i sentieri.
Infatti, su incarico del parco nazionale, i geologi Luca Piaggi (assessore del Comune della Spezia) e il suo collega di Monterosso al mare, Emanuele Raso, hanno annotato le emergenze sorvolando il territorio dall’elicottero. Criticità sono state evidenziate nel territorio del Comune di Vernazza e la sua frazione di San Bernardino, in una zona dove si sono verificati, in questi giorni, parecchi disagi, oltre che sulla strada provinciale nei pressi della località di Gùvano. Nuovo movimento anche nel territorio del Comune di Riomaggiore, tra Monesteroli e Fossola, mentre i detriti del cedimento della SP.51 minacciano una zona tra il Comune di Vernazza e la sua frazione di Corniglia.
Durante questa settimana, i due citati geologi torneranno sull’elicottero per valutare ancora maggiormente la situazione frane. mentre con l’aiuto di droni e di immagini subacquee, si potrà ottenere una situazione più precisa, grazie anche al progetto europeo Maregot. Intanto i soci del Club Alpino spezzino hanno controllato metro per metro due terzi dei sentieri segnalando e togliendo gli alberi sul percorso.
La relazione finale servirà per definire urgenti interventi nonché stimare le risorse da richiedere al Ministero dell’Ambiente.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: