Rapallo: eccezionale ostensione del Sacro Quadretto

testo e foto di Marino Scarnati

Il santuario pieno di fedeli come nelle grandi occasioni, ed oggi lo era davvero: Rapallo ha ringraziato la sua santa patrona, la sua protettrice, Nostra Signora di Montallegro, per aver preservato la vita umana dalla furia sovrumana della natura.

E l’ha fatto con tutti i crismi, le autorità civili con in testa in sindaco Carlo Bagnasco con la fascia tricolore, il presidente del consiglio Mentore Campodonico, consiglieri comunali di maggioranza e di minoranza, l’onorevole Roberto Bagnasco, il consigliere regionale Alessandro Puggioni, il vice sindaco di Santa Margherita Ligure Emanuele Cozzio, i rappresentanti delle forze dell’ordine e delle associazioni di volontariato e tanta, tanta gente comune.

Chi era presente ha potuto assistere ad un evento eccezionale, l’ostensione del Sacro Quadretto, prima nelle mani del Rettore del santuario, don Gianluca Trovato, e poi in quelle dell’arciprete di Rapallo, don Stefano Curotto che, rivolgendo la sacra icona verso Rapallo e tutto il Golfo Marconi, quindi anche Santa Margherita Ligure e Portofino, ha intonato assieme a tutti i fedeli presenti sul sagrato “Splende in Alto”, l’inno della Madonna di Montallegro.

Al termine, dopo qualche secondo di raccoglimento in un silenzio assoluto, è partito spontaneo, naturale e fragoroso, un applauso emozionante e liberatorio, alla Madonna e a tutti quelli che in terra stanno lavorando per la sicurezza e il benessere di Rapallo.