Chiavari: approvata la variante progettuale alla Torre Fara

Da Luigino Bottini, amministratore Unico “Fara spa”, riceviamo e pubblichiamo

Ieri mattina, presso gli uffici tecnici del Comune di Chiavari – settore V, si è concluso positivamente l’iter autorizzativo volto all’approvazione della variante progettuale di cui ai Collegi di Vigilanza del 09/05/2018 e 11/09/20108 e successiva Conferenza di Servizi decisoria in forma simultanea e modalità asincrona ai sensi degli artt. 14 e 14 ter della L n. 241/1990 e s.m. e i. per progetto previsto nell’Accordo di Programma relativo allo SUA della zona C43A per il recupero del complesso dell’ex Colonia Fara.

Così come sancito in fase di approvazione, la variante, sviluppata dai tecnici chiavaresi arch. Sonja Serventi e geom. Alessio Gotelli dello studio Geoide, ha affrontato una serie di interventi che di fatto corrispondono a quanto suggerito dalla Locale Soprintendenza in ragione della valenza monumentale del sito.

Nel dettaglio, il progetto approvato trova una più matura configurazione rispetto al progetto originario, affina e cura le relazioni tra immobile ed aree di contorno, sviluppa ex novo tematiche suggerite dagli Enti preposti alla tutela dell’immobile (Locale Soprintendenza, Regione Liguria e Comune di Chiavari) come l’accentuazione in chiave vegetale del tema degli oblò sul muro di cinta lato ovest e la sua riproposizione con approfondimenti storici anche sul lato ferrovia, l’accentuazione dell’elemento monumentale costituito dai resti del muro antisbarco, migliora il sistema del verde che dialoga maggiormente con le essenze tipiche dei luoghi enfatizzando nel contempo il monumento “Fara”, propone altri particolari migliorativi come il posizionamento di un gigantesco bonsai nella rotonda di ingresso, una nuova forma per le piscine all’aperto, e presenta  nuovi e migliorativi materiali per la parte pubblica.

L’insieme della variante approvata risulta quindi maggiormente congruo ed armonico, ben rapportato al contesto e maggiormente efficace per le parti pubbliche, dalle quali si possono apprezzare gli effetti trasformativi e di riqualificazione che ne derivano.

Nella stessa giornata di ieri sono immediatamente riprese anche le opere relative alla parte pubblica, sia nell’area di scavo di levante che nel tratto di ponente, dove sono iniziate le opere di costruzione del tratto di passeggiata che si congiungerà al portale monumentale di Largo Canepa; anche il portale risulta ormai in avanzato stato di riqualificazione.

Confermate le tempistiche stabilite dal Collegio di Vigilanza: consegna della passeggiata entro il 31 agosto 2019 e completamento dei lavori per appartamenti, boutique Hotel & SPA, bar e parcheggi interrati entro il 31 dicembre 2019.