Chiavari: Monteverde non si dimette, ma è in minoranza (1)

Dall’ufficio stampa del Comune di Chiavari riceviamo e pubblichiamo  

Così la maggioranza ritorna sul caso presidenza della Fondazione Torriglia: “A distanza di un anno dall’insediamento del presidente Arnaldo Monteverde, abbiamo riscontrato che molti aspetti legati alla realizzazione della nuova ala della casa di riposo, allo sviluppo urbanistico e alla sua relativa attuazione non sono ancora definiti con chiarezza. Infatti, Monteverde ha escluso la possibilità di utilizzare il sistema della finanza di progetto, che poteva essere uno dei tanti metodi suggeriti dalla segretaria comunale, e ha perseguito una trattativa con Hgm che prevedeva la realizzazione di volumi a carattere residenziale, da noi totalmente esclusi nel programma elettorale. Da qui nasce la frattura all’interno del consiglio di amministrazione della Casa di Riposo Torriglia, rimanendo egli stesso in minoranza. Ciò dimostra le difficoltà del presidente nel portare avanti i progetti legati alla gestione del patrimonio della Fondazione, al funzionamento della struttura stessa e al progetto di ampliamento della casa di riposo per soddisfare i bisogni dei chiavaresi.
Oggi prendiamo atto delle dimissioni rassegnate da una consigliera del cda, Paola Cavagnaro, e al suo posto abbiamo deciso di nominare un tecnico, precisamente l’architetto Davide Domenighini che entrerà a far parte del nuovo consiglio di amministrazione, in cui Monteverde si ritroverà in minoranza”.