Turismo: flessione nel Tigullio, cresce lo Spezzino

Presenze turistiche complessive. I dati dell’Osservatorio regionale si fermano a luglio, ma possono già essere indicativi. Cresce lo Spezzino con Monterosso, in particolare Levanto; tiene Lerici. Diminuiscono invece nel Tigullio con cali a Sestri Levante; Rapallo e seppur lievemente a Santa Margherita ligure,nonostante l’apertura di un nuovo albergo e l’arrivo dagli Usa di una numerosa troupe cinematografica.

Naturalmente i dati sono materia di polveroni, in vista delle elezioni amministrative che si terranno in primavera.  Il consigliere rapallese di minoranza Armando Ezio Capurro tira in ballo i venti milioni spesi dall’amministrazione per la città e, forse per spianarsi la strada, chiede addirittura le dimissioni di Carlo Bagnasco.

In realtà ad attirare l’attenzione non è tanto la flessione nel Tigullio, perfino in casa del sindaco Valentina Ghio considerata dal suo partito una grande esperta nel settore (e lo è realmente); ma il buon andamento dello Spezzino che consolida i risultati dell’anno precedente. Anno, ricordiamo, che aveva avuto un boom a seguito dell’attentato terroristico di Nizza e il timore nel recarsi all’estero.

Peraltro è miope comparare i risultati parziali di quest’anno a quelli del 2017; la stima occorre farla sulla media  degli ultimi cinque anni e vedere se e quanto si è cresciuti. Inoltre le statistiche di Rapallo e in particolare di Sestri Levante sarebbero falsate dalla mancanza delle presenze nelle case vacanza, oggi più ricercate degli alberghi. (m.m.)

.

 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: