Lavagna: raccolta firme del M5s per la biblioteca

Dal Movimento 5 Stelle di Lavagna riceviamo e pubblichiamo

Già in passato abbiamo alzato la voce a difesa della biblioteca civica di Lavagna, sia  per il ripristino dell’ascensore non funzionante (che a breve verrà sostituito)  ed ancora prima per una paventata possibilità di affidare il servizio di gestione ad un soggetto esterno alla struttura.

Purtroppo oggi, più di ieri, dobbiamo nuovamente tornare a preoccuparci per le sorti della biblioteca, uno dei fiori all’occhiello della nostra città, molto apprezzata negli anni per le competenze del personale ed il servizio fornito alla collettività. Negli anni sono passati decine e decine di studenti, e non solo, che hanno trovato un valido sostegno per il loro percorso scolastico, finanche alla laurea.

Oggi si vuole spostare un dipendente capace, che è l’anima della biblioteca, che si è formato grazie al personale che negli anni aveva dato vita alla biblioteca, senza sostituirlo con personale comunale già formato. Questa formazione e passione per la cultura non si costruisce in qualche settimana.

La situazione fa nuovamente supporre che vi possa essere la volontà di passare la gestione della struttura a personale esterno alla biblioteca come già ipotizzato in passato, venendo a provocare una perdita di competenza ed organizzazione. Ovviamente non si potrebbe neanche accettare nessuna diminuzione degli orari di apertura e di accesso al servizio per gli studenti.

Ricordiamo che presso la biblioteca hanno sede molte attività connesse, quali la UniTre e gruppi di lettura.

La biblioteca è un servizio che funziona e che dà lustro culturale al vuoto pneumatico di Lavagna, come MoVimento 5 Stelle ci impegneremo sempre per la sua tutela e potenziamento.

Il “Palazzo comunale” di P.zza della Libertà, è ricco di dipendenti, in evidente sovrabbondanza, se vi sono dei posti vacanti possono essere coperti dagli stessi visto che le competenze, anche per legge, vi sono.

Per ricostruire bisogna partire da solide fondamenta, se si smantella ciò che di buono è stato fatto nel tempo, si dimostra la volontà ostinata e contraria di amministrare Lavagna come fosse una azienda e non una realtà cittadina.

E’ aperta una raccolta firme presso la biblioteca civica in Piazza Ravenna.