Rapallo: “Apericena con l’autore” con Franco Malerba a San Michele

Da Alessandra Rotta, presidente A.Tre a.p.s., riceviamo e pubblichiamo

Gli appuntamenti voluti e promossi dal WineArt bar di San Michele di Pagana, organizzati dal Comitato di Quartiere San Michele e dall’ass. A.Tre a.p.s. hanno ospiti sempre più eccezionali.

Il 16 agosto, nella suggestiva piazzetta di San Michele, alle ore 19,00 sarà la volta di un imperdibile incontro con Franco Malerba, il primo astronauta italiano.

L’ingegnere che ha viaggiato, in quel 31 luglio 1992, come scienziato di bordo dello Space Shuttle Atlantis ripercorrerà emozioni e verità di un lavoro sognato dai bambini degli anni ’70.

Un’occasione unica per vivere, con immagini e parole del diretto protagonista, la realtà di un viaggio oltre le frontiere del futuro.

Il 31 luglio 1992 molti Italiani videro con emozione e meraviglia le Space shuttle Atlantis sollevarsi da Capa Canaveral con a bordo Franco Malerba il primo astronauta italiano, le scienziato di bordo della missione Nasa-Asi Sts-46. Più di un quarto di secolo dopo quella memorabile impresa, la tecnologia spaziale e le sue applicazioni sono diventate una dimensione comune della vita di tutti i giorni.

La conversazione di Franco Malerba tocca alle vicende della sua missione nello spazio, ma anche e soprattutto al lavoro e agli obiettivi della Grande Impresa dell’esplorazione del “mare-Spazio” con le emozioni che solo chi ha trascorso una vita in questo settore può descrivere.

La serata sarà l’occasione anche per presentare il suo recentissimo libro “Professione Astroanuta. La lungo strada per arrivare allo Spazio”.

Un ricordo lucido che ripercorre tutte le tappe della sua ascesa, raccontando le scelte e i retroscena – a volte singolarmente intrecciati con la storia d’Italia della fine del secolo scorso, che hanno designato Franco Malerba primo italiano a volare nello spazio.

Introducono Enrica Melossi e Alessandra Rotta.

Il libro sarà disponibile in vendita.

Franco Malerba ha volato nello spazio il 31 Luglio 1992 con lo shuttle Atlantis per una missione di otto giorni che ha messo in orbita la piattaforma tecnologica europea Eureca e sperimentato il satellite scientifico italiano Tethered.

Laureato in ingegneria elettronica ed in fisica all’Università di Genova, ha lavorato nella ricerca in diversi ruoli e responsabilità nella ricerca e nell’industria di alta tecnologia in Europa e negli Stati Uniti (Cnr, Nih, Nato, Digital, Esa, Nasa, Asi).

È stato Ufficiale di Complemento (Stv) della Marina Militare Italiana.

Eletto Deputato al Parlamento Europeo nel 1994, ha ispirato i lavori del Parlamento Europeo per il quinto programma di ricerca, per la politica spaziale e per il programma europeo per la navigazione satellitare.

Dal 1999 ha lavorato come ingegnere di Alenia Spazio a Torino e a Parigi; dal 2005 al 2013 è stato Addetto Scientifico della Rappresentanza Permanente d’Italia presso l’Ocse e l’Esa a Parigi.

Nel 2014 è nominato “Coach” dalla Commissione Europea che lo incarica di dare consiglio ad alcune PMI europee spaziali, vincitrici di finanziamenti del programma quadro europeo di ricerca H2020.  E’ membro della prestigiosa Académie de l’Air et de l’Espace e partecipa attivamente alla comunicazione della spazio.

Scrive come pubblicista corrispondente scientifico del Secolo XIX e de La Stampa; è autore del libro “La Vetta/The Summit”.

Ha ricevuto la Medaglia Colombiana della Città di Genova nel 1992 e l’onorificenza di Commendatore dalla Repubblica nel 2001.


 

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: