Cinque Terre: area marina, nominata commissione di riserva

Dall’ufficio comunicazione del Parco delle Cinque Terre riceviamo e pubblichiamo

Con Decreto del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare del 14 maggio 2018 n.194, è stata costituita la Commissione di riserva dell’area marina protetta “Cinque Terre”.
Si riporta di seguito l’elenco  dei componenti della stessa:
•    Sig. Roberto Cresca , rappresentante designato dal Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con funzioni di Presidente;
•    Dott. Gaetano Schena, rappresentante designato dalla Regione Liguria, con funzioni di Vicepresidente;
•    Dott.ssa Stefania Tomaselli, designata dal Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare;
•    Capitano di Fregata (CP) Matteo Borretaz, rappresentante della Capitaneria di Porto della Spezia su proposta del Reparto Ambientale marino presso il Ministero dell’Ambiente;
•    Dott. Leonardo Tunesi, designato dall’Istituto superiore per la protezione e la ricerca ambientale (I.S.P.R.A.);
•    Dott. Claudio Colaci, designato dalle associazioni ambientaliste maggiormente rappresentative riconosciute dal Ministero dell’Ambiente

La Commissione di riserva, istituita presso l’ente gestore dell’area marina protetta “Cinque Terre” con decreto del  Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare ai sensi dell’art. 28, comma 3, della legge 31 dicembre 1982, n. 979 e successive modifiche, da ultimo contenute  nell’art. 2, comma 339, della legge 24 dicembre 2007 n. 244, affianca l’ente delegato nella gestione dell’area, formulando proposte e suggerimenti per tutto quanto attiene al funzionamento e alla gestione dell’area marina protetta ed esprimendo il proprio parere su:
a)    le proposte di aggiornamento del decreto istitutivo;
b)    le proposte di modifica e aggiornamento della  zonazione e della disciplina delle attività consentite nelle diverse zone;
c)    la proposta di Regolamento di esecuzione e di organizzazione dell’area marina protetta, e le successive proposte di aggiornamento;
d)    il programma annuale relativo alle spese di gestione.

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: