Sestri: mercoledì al MuSel, storia del monastero di Bobbio

Da Mediaterraneo Sestri Levante riceviamo e pubblichiamo

Dopo le due serate dedicate all’archeologia degli insediamenti di Terra Santa e agli scavi di Albenga, al MuSel di Sestri Levante prosegue il ciclo di appuntamenti con la storia e l’archeologia. Mercoledì 1 agosto, alle ore 21,00 (Sala Carlo BO – 1 piano) è in programma la conferenza della professoressa Eleonora Destefanis, archeologa medievista dell’Università del Piemonte Orientale. Tema dell’incontro sono i risultati più recenti delle ricerche storiche e archeologiche dedicate al monastero medievale di Bobbio. “Sappiamo che l’istituzione monastica fondata da San Colombano ha un’importanza straordinaria per l’evangelizzazione e per lo sviluppo economico altomedievale di un territorio veramente ampio – anticipa Fabrizio Benente, docente universitario e direttore del MuSel – Il monastero aveva celle e numerose dipendenze in Maritima, ossia nelle valli del Tigullio, a Caregli, Comorga, Scaona e nella zona degli attuali territori di Sestri, Casarza e Castiglione Chiavarese”.

La nota donazione dell’Alpe Adra da parte di Carlo Magno offrì al monastero bobbiese la possibilità di uno sbocco verso il Mar Ligure e verso Genova, dove – nel IX secolo – troviamo attiva la chiesa di San Pietro de Porta, ubicata nell’area dell’attuale San Pietro in Banchi. Numerosi studi locali hanno enfatizzato la presenza nel Tigullio altomedievale di monaci e coloni bobbiesi, fino a ipotizzare lo sviluppo di una economia e di una cultura costruttiva locale, strettamente legate al monastero. Sicuramente memoria e tradizione religiosa hanno costruito un legame fortissimo e duraturo nel tempo.

“Eleonora Destefanis è una studiosa molto conosciuta, ed è un piacere ospitarla al Musel – conclude Benente – ha dedicato quasi tutta la sua attività di ricerca alla ricostruzione dei limiti territoriali e della qualità degli insediamenti bobbiesi, ha studiato l’arredo scultoreo del monastero, ha condotto recenti campagne di scavo nella chiesa”.

La conferenza in programma mercoledì 1 agosto al MuSel toccherà, quindi, i temi della storia, dell’archeologia e anche del “mito” bobbiese, fornendo aggiornamenti sulle scoperte recenti, dati inediti o poco conosciuti al grande pubblico.