Recco: la Regione spegne i falò di San Giovanni Battista

Il Dipartimento Territorio,  Ambiente, Infrastrutture e Trasporti della Regione Liguria ha rigettato la richiesta di accesso all’alveo del torrente Recco per l’esecuzione dei due falò nel greto del corso d’acqua in occasione di San Giovanni Battista.
Le istanze dei comitati sono risultate essere inammissibili in quanto non in regola con la normativa vigente.
Non esistendo soluzioni alternative che rispettino i requisiti di sicurezza e di compatibilità ambientale connessi allo smaltimento di materiale residuo oggetto di combustione, il ripristino della tradizione del falò dovrà essere rinviato al prossimo anno.

Il vicesindaco Gian Luca Buccilli ha immediatamente preso contatto con il dirigente del competente settore della Regione Liguria, architetto Agostino Ramella, per porre in essere , con congruo anticipo e in termini idonei, quanto necessario ad ottenere il rilascio della concessione demaniale per le future manifestazioni, le festività in onore di San Rocco e di Nostra Signora del Suffragio.

*****

Lo scorso 12 febbraio la Regione aveva trasmesso ai Comuni le informazioni relative all’iter da seguire; informazioni e tempi che sarebbero state ignorate dal Comune di Recco. Da ciò deriverebbe il no, odierno, all’accensione dei falò. (m.m.)

Advertisement

Ti potrebbero interessare anche: